News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Eventi

20 Settembre, 2008
Ciao Abba, Ciao Fratello
21 settembre 2008: intolleranza, violenza, razzismo ORA BASTA! - Fermiamo l'odio, rompiamo l'indifferenza, costruiamo comunità.

Ciao Abba, Ciao Fratello

intolleranza, violenza, razzismo ORA BASTA! - Fermiamo l'odio, rompiamo l'indifferenza, costruiamo comunità.

Noi non abbiamo paura:
la Solidarietà è l'unica sicurezza.
CREMONA CITTA' APERTA

21 settembre 2008
MONDINSIEME - FESTA DEL VOLONTARIATO

NEL RICORDO DI ABDUL
UNA NUOVA GIORNATA DI TESTIMONIANZA E DI RESPONSABILITA'
CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA E INTOLLERANZA, DISCRIMINAZIONE E RAZZISMO

UNA MOBILITAZIONE STRAORDINARIA DELLA SOCIETA' CIVILE CREMONESE
CONTRO LA PAURA E L'ODIO, L'EGOISMO E L'ESCLUSIONE SOCIALE
PER UNA ALTERNATIVA DI SOCIETA': PACE GIUSTIZIA SOLIDARIETA'

TUTTI I DIRITTI UMANI PER TUTTI

"Abdul è stato ucciso per niente o per futili motivi ... come dice l'arido linguaggio della magistratura.

Chi ha preso la spranga non l'ha fatto per paura o per legittima difesa ha commesso un delitto a sfondo razzista, mosso da odio e rancore, considerandosi legittimato dal sentire intollerante, sciaguratamente diffuso.

Questa Milano non ci appartiene. Non ci appartengono la violenza e il razzismo che si manifestano sempre più apertamente, in uno stillicidio di episodi quotidiani di intolleranza di cui sono vittime donne e uomini, quasi sempre inermi.

La dilagante campagna razzista e la costruzione del nemico "altro" diventano funzionali a nascondere la questione politica della sicurezza sociale, della coesione e della giustizia sociale per tutti. L'altro e il diverso vengono additati quali cause del malessere sociale ed esistenziale. Il potere e lo sfruttamento si alimentano anche in questo modo.

Per questo, per ragioni etiche, culturali e politiche, gridiamo con forza che non ci appartiene l'ideologia securitaria, incentrata sulla repressione e sulla costruzione di alibi culturali che autorizzano le ronde e la violenza privata.

L'omicidio di Abdul è l'ultimo segnale di un'escalation xenofoba, che va arrestata: la Milano democratica e antirazzista deve reagire. Milano deve reagire."

Appello promosso da don Gino Rigoldi, Renato Sarti, Moni Ovadia, da cittadini e personalità del mondo della cultura e del lavoro, della società civile con l'adesione di associazioni, reti e movimenti sociali.

***

"L’omicidio di Abdul Salam Guibre avvenuto a Milano è la conseguenza di un clima culturale che si sta pericolosamente diffondendo nel Paese e che rischia di farci piombare nella barbarie. Un clima in cui sembra che chiunque si senta autorizzato, per il più futile dei motivi, a farsi giustizia da sé.

Nel grave episodio di Milano non possiamo non attribuire una responsabilità alle amministrazioni locali e agli esponenti del mondo politico che, soffiando sul fuoco dell’intolleranza e in nome della sicurezza, hanno condotto una vera e proprio guerra alla pacifica convivenza al solo scopo di raccogliere facili consensi su un tema complesso come l’immigrazione.

Come abbiamo denunciato più volte si vuole alimentare “la sindrome del nemico”. Si fornisce un facile capro espiatorio individuando il problema nel diverso, nel cittadino più debole, per sopperire all’incapacità di proporre soluzioni al disagio, all’emarginazione, alla povertà in cui stanno scivolando tante famiglie italiane.

Siamo solo all’inizio! Quello di Milano rischia di essere soltanto uno dei tanti episodi di violenza figlio di questa scellerata strategia. Il rogo di Ponticelli contro i rom, le aggressioni a cittadini gay, a militanti di sinistra e a tanti cittadini stranieri sono la conseguenza ovvia della campagna di criminalizzazione del disagio sociale. Le ordinanze contro lavavetri, mendicanti e prostitute, la schedature su base etnica, i commissari straordinari, i pacchetti sicurezza e la corsa a chi è più intransigente con il disagio sociale, hanno conseguenze concrete di cui, purtroppo gran parte del mondo della politica e della stampa non sembra essere consapevole.

Chiediamo a tutti i cittadini che non si riconoscono nell’ideologia securitaria di unirsi e mobilitarsi per chiedere che questa escalation di violenza e di odio venga arrestata, per ribadire che non ci riconosciamo in un paese che adotta politiche di esclusione e repressione dei più deboli."

Emanuele Patti, Presidente Arci Milano
Filippo Miraglia, Responsabile Immigrazione Arci Nazionale


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare."

Bertolt Brecht

 


Commento Visualizza allegato o filmato       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 3717 | Inviati: 0 | Stampato: 53)

Prossime:
Corada: due smentite chiare ed esplicite – 09 Ottobre, 2008
Assetto condiviso per Corso Garibaldi – 05 Ottobre, 2008
Torchio alla fiaccolata sul ponte di Montodine – 03 Ottobre, 2008
Argine di Sommo, ancora un rinvio – 01 Ottobre, 2008
Il GIP Pierpaolo Beluzzi decide di non raccogliere le firme per presentarsi alle Primarie – 26 Settembre, 2008

Precedenti:
Comune di Cremona: settembre 2008 - fatti, non parole – 14 Settembre, 2008
Le delibere della Giunta Comunale del 10 settembre – 12 Settembre, 2008
Corada si ricandida a Sindaco di Cremona (1) – 09 Settembre, 2008
Corada si ricandida a Sindaco di Cremona (2) – 09 Settembre, 2008
Corada si ricandida a Sindaco di Cremona (3) – 09 Settembre, 2008

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009