News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Storia Cremonese

28 Agosto, 2009
Possiamo contare su di voi?
Messaggio del Vescovo di Cremona, Mons. Dante Lafranconi, agli Oratori della Diocesi per l’anno pastorale 2009-2010

Carissimi,
l’anno pastorale che ci sta davanti è particolarmente significativo per tutti voi che trovate nell’oratorio un punto di riferimento a diverso titolo: o come frequentatori per la vostra formazione cristiana di ragazzi, adolescenti, giovani; o come educatori e catechisti; o come animatori e volontari che si occupano dei vari servizi (dal gioco, allo sport, al bar e a tante altre prestazioni necessarie a mantenere efficienti e accoglienti le strutture dell’oratorio e l’ambiente nel suo insieme).
Un anno significativo in particolare per due ragioni:
* viene consegnato alla Diocesi il documento sulla pastorale giovanile e gli oratori, frutto di un lungo lavoro e del contributo di molte voci. Vuole offrire alcune linee orientative per un settore della vita pastorale che sempre sta a cuore alla Chiesa;
* le linee pastorali, che a partire da quest’anno si protrarranno per un triennio, mettono a fuoco il tema dell’educazione, di cui si parla spesso come di una urgenza per la Chiesa e per l’intera società.
Gli oratori e tutti coloro che vi operano sono, dunque, chiamati in causa direttamente. Desidero allora mettervi a parte di qualche mia considerazione nella consapevolezza che i documenti restano lettera morta se chi opera concretamente negli oratori non cerca di metterli in atto quotidianamente.

1. Educare: un’avventura altamente umana.

Anzitutto la mia speranza è che i due documenti, di cui vi ho appena parlato, valgano a rinnovare nelle nostre parrocchie la passione educativa. Tutti conosciamo che educare non è un’impresa facile, però tutti siamo convinti che è un’opera preziosa e un’avventura bella. Dicendo avventura non voglio insinuare l’idea che l’educazione sia da affrontare avventurosamente, con superficialità, senza una progettazione puntuale e senza una sufficiente preparazione. Intendo dire che l’educazione si gioca fondamentalmente in una relazione interpersonale, dove la libertà ci riserva costantemente delle sorprese, a volte deludenti a volte gratificanti. Comunque sempre altamente umane. E perché l’educazione non sia improvvisata, serve una seria formazione. Ciascuno abbia a cuore la propria crescita spirituale e umana, attraverso la preghiera, incontri e letture di approfondimento.
Si partecipi inoltre alle proposte già in atto a livello parrocchiale, interparrocchiale o diocesano. E invito gli oratori a proporre, laddove non ci siano ancora, percorsi di formazione e approfondimento proprio per gli educatori.
Voglio ringraziare e incoraggiare la moltitudine di uomini e donne (giovani, adulti, anziani), che nelle nostre parrocchie dedicano tempo, energie, fantasia per rendere gli oratori ambienti veramente educativi, luoghi in cui trovare modelli da seguire, gruppi in cui sentirsi a casa, persone che si prendano cura dell’altro, percorsi per crescere nella bellezza e nella verità.
Voglio, nello stesso tempo, far notare che, a fronte di un numero considerevole di operatori per iniziative di aggregazione o di carattere ludico, c’è una ridotta disponibilità di catechisti e di formatori in senso stretto. Eppure per un cristiano che cosa c’è di più bello che comunicare la fede, far conoscere Gesù e il suo Vangelo, far crescere il senso di appartenenza alla Chiesa nelle nuove generazioni che prenderanno domani il nostro posto?
E non è questo introdurre all’esperienza del vivere cristiano il compito primo e proprio della Chiesa e quindi delle strutture pensate per diffonderne il messaggio? “Guai a me se non evangelizzassi!” diceva l’apostolo Paolo. Coraggio dunque, e pronti in molti a cimentarsi nel compito un po’ più impegnativo di trasmettere il patrimonio della fede.

2. Educare: un impegno di tutti.

Naturalmente non solo i catechisti o i responsabili della formazione, ma tutti gli adulti e i giovani che operano in oratorio devono sentirsi educatori. Anche chi tiene aperto il bar, anche chi fa le pulizie, anche chi organizza il gioco e lo sport. Non è solo il sacerdote che deve vigilare per il retto comportamento di chi frequenta l’oratorio. È interesse di tutti che l’oratorio sia un ambiente sano. E allora se c’è qualcosa che non va, nei comportamenti o nelle parole di qualcuno, perché sono contro la dignità e il rispetto delle persone e quindi non evangelici, gli adulti presenti non possono far finta di niente. È bene parlarne con il parroco/vicario e, in base alla situazione, anche confrontarsi con i genitori.
E questi ultimi non ne abbiano male se i loro figli sono stati rimproverati e non ne prendano le difese per orgoglio personale o per pregiudizio. Anzi, insieme si comprenda che il correggere non è un disonore, ma è segno di stima e di amore perché vuol dire prendersi a cuore il bene dell’altro.
Per questo mi preme ricordare che, come dice il nuovo documento sulla Pastorale giovanile e gli oratori, “Sempre più la famiglia è chiamata a farsi carico del fatto educativo, a tutti i livelli: pertanto essa troverà nell’oratorio non l’occasione per una facile ed indolore delega, ma un luogo di sapienza educativa con cui lavorare, per il bene umano e cristiano dei propri figli”.
Inoltre è auspicabile la collaborazione di tutti per far sì che l’oratorio sia un ambiente educativo e favorirne le condizioni. Sarebbe bello che nascessero quasi delle coalizioni con le famiglie, con la scuola, con gli altri enti che si preoccupano della crescita globale dei ragazzi e dei giovani. Perché solo con un impegno educativo comune si può trasformare la cosiddetta emergenza educativa in convergenza educativa.

3. Una presenza stimolante.

Una parola particolare, a questo riguardo, vorrei rivolgere ai giovani 20-30enni. Come ho già avuto modo di dire, la loro presenza ha un peso considerevole in oratorio. Essi, infatti, rappresentano per i ragazzi e per gli adolescenti un riferimento vicino, o perlomeno percepito più vicino che non i loro genitori o altri adulti presenti in oratorio. Ad essi i ragazzi guardano trovando motivo per comprendere da una parte la necessità di continuare la propria formazione anche dopo aver concluso l’itinerario dell’Iniziazione cristiana, e per scoprire dall’altra il senso della vita come servizio.
Voi siete un anello essenziale di quella catena educativa che in oratorio si esprime in modo privilegiato: qui si incontrano tutte le fasce d’età e chi è più avanti si prende cura degli altri, senza interruzione. Non possiamo rompere questo filo di attenzioni e di crescita. Cari giovani/adulti, la vostra comunità di appartenenza attende la vostra presenza e il vostro impegno. Posso contare su di voi?

4. Anche per i giovani c’è una proposta educativa.

E infine penso proprio ai giovani che, terminata la scuola secondaria, frequentano l’università o entrano nel mondo del lavoro. Spesso questo passaggio coincide con l’abbandono della vita parrocchiale e anche dell’oratorio. In parte è comprensibile per lo strutturarsi della loro vita in ambienti e con impegni più assorbenti. Ma non va dimenticato che sono anche gli anni decisivi per la formazione della coscienza e quindi per imparare ad essere cristiani adulti, capaci di testimoniare la propria fede negli ambiti della vita familiare, sociale, professionale, attraverso scelte decisive per sé e per gli altri.
È anche il momento di una scelta cristiana, vocazionale. Mi è caro suggerire ai ragazzi di V superiore il cammino vocazionale in Seminario “Corri avanti”, perché sentano, come rivolta a loro, la voce del Signore che chiede di pensare alla propria vita. Sarà possibile avere un gruppo di diciottenni che, insieme, si mettono in ascolto della voce del Maestro?

Mentre a questi giovani rivolgo l’invito a non disertare il completamento della propria formazione, esorto anche le parrocchie a programmare iniziative per loro - magari a livello interparrocchiale o zonale -, rivolgendosi non solo a chi continua gli studi, ma anche a chi ha scelto la strada del lavoro.
La Festa dell’oratorio, che in molte parrocchie segna l’inizio dell’anno pastorale, riporti in tutti il gusto e l’impegno dell’educare e dell’educarsi; lo stupore e la passione di trasformare i nostri oratori in veri laboratori di fede e di vita in cui plasmare nuove generazioni di cristiani e di cittadini. A questo scopo ci affidiamo insieme alla protezione della Madonna, all’intercessione del Santo Curato d’Ars e di San Giovanni Bosco, modelli di uno zelo pastorale instancabile che ha congiunto l’amore radicale per Dio e la passione per la salvezza dell’uomo.

+ Dante, vescovo

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 8684 | Inviati: 0 | Stampato: 54)

Prossime:
Breve storia della città di Crema. – 22 Novembre, 2009
La leggenda di Zanen de la Bala, eroe cremonese – 07 Novembre, 2009
I Vescovi di Cremona dal 1871 al 2001  – 18 Ottobre, 2009
Resistenza: la lettera di Luigi Severgnini ( Giorgino Carnevali) – 04 Ottobre, 2009
Riflessioni di Kiro Fogliazza in occasione dell' 8 settembre – 12 Settembre, 2009

Precedenti:
Addio a Cecco Compagnoni – 03 Agosto, 2009
Deo Tonani, Pucci Rapuzzi e l*eccidio del Col del Lys – 22 Luglio, 2009
Pronto il cofanetto DVD Anpi-Welfare Cremona “ Po,fiume di libertà:dal Torrazzo al Col del Lys” – 27 Giugno, 2009
Una tradotta . Un racconto di Giannino Aletti – 30 Maggio, 2009
Cremona 8 settembre 1943 . In ricordo di Ottorino Rizzi di Giorgino Carnevali – 04 Maggio, 2009

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009