News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Cronaca

03 Gennaio, 2011
I continui disagi dei pendolari.
Lettera di alcuni rappresentanti dei pendolari cremonesi e mantovani

I continui disagi dei pendolari.
Lettera di alcuni rappresentanti dei pendolari cremonesi e mantovani
Spesso il carattere di un paese passa da episodi piccoli, marginali ma che fanno percepire in filigrana un atteggiamento, una mentalità comune.
E’ il caso che quotidianamente sperimentiamo sui treni della linea Mantova – Milano, certamente non tra le più efficienti per usare un eufemismo.
In più stazioni si sale senza il biglietto e ci si accomoda nella 1° classe pur non avendone diritto.
La motivazione: “Tanto, chi se ne frega”; “Non me ne frega un c..”; “Tanto non controllano e poi anche se controllano ….” ed altre amenità.
L’unica giustificazione per i possessori del biglietto di seconda e che si siedono in prima è se il treno è completo e quindi non ci sono altri posti a sedere. Ovviamente la lungimiranza delle FFSS che hanno soppresso le biglietterie pone certo dei problemi per chi sale all’ultimo minuto.
I controllori conoscono benissimo questa situazione ma, raccontano, non ci possono fare nulla perché da Codogno in poi devono restare in cabina di fianco al macchinista
(un mistero di cui qualcuno avrà bene la soluzione).
Per informazione: in 1° classe su questi treni non ci sono servizi migliori anzi, spesso, accade il contrario: aria condizionata rotta d’estate e riscaldamento fuori uso d’inverno.
Chi la frequenta quest’inverno è stato un masochista visto che quasi sempre è la carrozza col riscaldamento rotto e dai bocchettoni esce aria fredda. Purtroppo i vecchi Vivalto messi sulla nostra linea non hanno certo risolto i nostri problemi.
Hanno causato invece certamente un aumento di malattie da raffreddamento per ora. Solo
che il biglietto e l’abbonamento costano di più.
La proposta allora è semplice: o si abolisce l’obbligatorietà del biglietto, o si abolisce la 1° classe su questi treni oppure l’azienda se ne occupi e faccia rispettare le regole.
Abbiamo frequentato altri paesi per lavoro e per turismo e nessuno si sognerebbe, in Germania o in Austria per esempio, di pretendere di andare in 1° se hai il biglietto di
2°, nessuno di noi si metterebbe a discutere se non ha il biglietto.
Ed ovviamente i controlli sono più costanti.
Purtroppo il nostro senso civico è quello trasmesso dalle liti di cortile dei talkshow e dei reality. Le conseguenze sono quelle che tutti conosciamo. Non possiamo esserne stupiti. Ma amareggiati sì perché lo stesso atteggiamento strafottente e irrispettoso si mantiene in altri campi di studio e di lavoro.
Ma in quale paese e in quale azienda, se non in Italia, si chiudono così gli occhi? Oggi poi che ci troviamo di fronte ad un aumento delle tariffe!
Scommettiamo che queste aumenteranno e il servizio continuerà a scadere?
Sappiamo bene che ci saranno le reazioni sdegnate che diranno che il problema è un altro, che è indegno avere dei treni così sporchi e una linea così inefficiente.
Verissimo. In Italia siamo tutti campioni di altruismo.

Un gruppo di pendolari cremonesi e mantovani che si ostina a seguire le regole e pagare biglietto e abbonamento.
Parmigiani Paolo, Bertoli
Franco, Montanari Giuliano,
Lorusso Pino ed altri

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 2287 | Inviati: 1 | Stampato: 29)

Prossime:
Ruggeri-Manfredini (PD) Aumenta il pm10 nell’aria – 04 Gennaio, 2011

Precedenti:
Coradi:considerazioni sugli incidenti negli impianti di metano – 29 Dicembre, 2010
Il PD di Cremona sulla crisi Perri-Lega – 23 Dicembre, 2010
Pd ritorna sulla pedonalizzazione di corso garibaldi – 17 Dicembre, 2010
CREMONA.GIUNTA COMUNALE DEL 16 DICEMBRE 2010, decisioni assunte – 16 Dicembre, 2010
CREMONA HA IL SUO MARCHIO PROMOZIONALE – 10 Dicembre, 2010

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009