News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Varie

19 Aprile, 2007
Giunta Comunale del 18 aprile 2007
La colonia felina «trasloca» dall' ex Caserma Pagliari in un’area predisposta in via Milano

Ordine del Giorno in data 4 aprile 2007 rassegnato dalla Commissione Consiliare Permanente attinente i servizi per la persona, la famiglia e la comunità inerente il riconoscimento del secondo nucleo Alzheimer operante presso l’Azienda Cremona Solidale (competenza del Consiglio Comunale - esame preliminare).

Assegnato al Consiglio Comunale per la trattazione

Atto di indirizzo in ordine alla applicazione del D.P.R. 132/2003 relativo alla gestione dei corsi musicali pareggiati ai conservatori musicali statali ed atti conseguenti (competenza del Consiglio Comunale - esame preliminare).

La Giunta Comunale, dopo l’esame preliminare, ha assegnato questa proposta di deliberazione al Consiglio Comunale che sarà chiamato a decidere di recepire l’orientamento espresso dal Ministero dell’Università e della Ricerca sul mantenimento dell’autonomia dell’Istituto Pareggiato di Cremona ai fini della valorizzazione del ruolo di Cremona nella produzione e nell’insegnamento della musica oltre che nella produzione degli strumenti musicali. Di conseguenza si dovrà decidere di revocare la deliberazione relativa all’atto di indirizzo di trasformazione dell’Istituto Pareggiato in sezione staccata del Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia e conseguente comunicazione della decisione al Conservatorio. Il Consiglio Comunale dovrà inoltre approvare lo statuto della costituenda istituzione e la conseguente trasmissione dello stesso alla Fondazione Scuola di Musica “Claudio Monteverdi” per l’approvazione in quanto attuale organo di gestione. Il Comune. Successivamente, trasmetterà lo statuto al Ministero dell’Università e della Ricerca per l’approvazione definitiva dello stesso.

Con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 25 luglio 2002, il Comune di Cremona ha ottenuto a tutti gli effetti di legge il pareggiamento ai Conservatori di Musica Statali di alcuni corsi della Civica Scuola di Musica Claudio Monteverdi e precisamente: canto, flauto, organo, pianoforte, violino, violoncello con i relativi corsi complementari. Il Comune ha attivato cinque dei sei corsi pareggiati e precisamente: canto, organo, pianoforte, violino e violoncello. Con deliberazione del 22 maggio 2003 è stata costituita la “Fondazione Scuola di Musica Claudio Monteverdi di Cremona” ed è stato approvato il relativo statuto. Tale Fondazione, tra l’altro, ha indicato fra le proprie finalità quella di finanziare e gestire la Civica Scuola di Musica “Claudio Monteverdi” del Comune di Cremona pareggiata ai Conservatori di Musica Statali ai sensi del D.M. 25 luglio 2002. Con determinazione dirigenziale del 21 maggio 2004 è stata approvata la bozza di convenzione con la Fondazione Scuola di Musica “Claudio Monteverdi” disciplinante i rapporti tra il Comune di Cremona e la Fondazione Scuola di Musica Claudio Monteverdi di Cremona. Dopo i rapporti intercorsi con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nonché quelli con il Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia era stata ravvisata l’opportunità di individuare, quale soluzione percorribile ai fini della statizzazione dei corsi pareggiati, quella di prevedere che gli stessi costituiscano una sezione distaccata del Conservatorio di Brescia. L’Amministrazione Comunale con deliberazione del 20 febbraio 2006 ha approvato l’atto di indirizzo relativo alla trasformazione della Civica Scuola di Musica “Claudio Monteverdi”, pareggiata a tutti gli effetti di legge ai Conservatori di musica statali relativamente alle scuole di canto, organo, pianoforte, violino e violoncello e a tutti i relativi corsi complementari, in corsi statizzati, costituenti essi stessi la sezione staccata del Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia ed aveva nel contempo avviato tutte le procedure secondo un protocollo che era stato anche approvato dal Conservatorio di Brescia. Il Conservatorio “Luca Marenzio, il 14 febbraio 2006, ha comunicato al Comune di Cremona il parere favorevole a creare a Cremona una sezione distaccata del proprio conservatorio in linea con quanto dispone la richiamata legge n°508/’99 e in corrispondenza al dettato del proprio statuto. A seguito dei più recenti incontri il sottosegretario Nando dalla Chiesa ha scritto al Sindaco con nota dell’11 agosto 2006 esprimendosi nei seguenti termini: “La proposta che sento di poterle rivolgere formalmente a nome del Ministero è dunque la seguente: Il Conservatorio di Cremona dovrebbe rimanere autonomo dai Conservatori di altre città, proprio per valorizzare in massimo grado, anche sul piano nazionale, il ruolo della città nella produzione e nell’insegnamento della musica oltre che nella produzione degli strumenti musicali. L’Istituto resterebbe nell’area dei pareggiati, area rispetto alla quale il Ministero intende ora svolgere, in virtù della loro storia, una funzione di sostegno, contribuendo a dare loro l’ossigeno aggiuntivo necessario.” Da tenere presente infine che il comma della legge finanziaria n°296 del 27 dicembre 2006 che così recita: “E’ autorizzata la spesa di 20 milioni di euro per l’anno 2007 a favore delle istituzioni di alta formazione e specializzazione artistica e musicale, di cui alla legge 21 dicembre 1999, n°508, e successive modificazioni, destinata, quanto a 10 milioni di euro, all’ampliamento, alla ristrutturazione, al restauro e alla manutenzione straordinaria degli immobili utilizzati da tali soggetti per la propria attività con priorità verso gli immobili di proprietà pubblica e demaniale e, quanto a 10 milioni di euro, al loro funzionamento amministrativo e didattico”;

Bando regionale per il finanziamento di progetti in materia di sistemi museali locali e di reti di musei ai sensi della Legge Regionale 39/74. Autorizzazione al legale rappresentante all’inoltro di istanza di contributo per il progetto “ ANTICO VECCHIO MODERNO”.

La Giunta Comunale, sentito il relatore (Assessore Gianfranco Berneri), ha autorizzato il legale rappresentante del Comune di Cremona a presentare alla Regione Lombardia istanza di contributo, in qualità di ente capofila, per il finanziamento del progetto denominato ANTICO VECCHIO MODERNO del costo previsto di € 26.000,00 nell’ambito del Bando per la presentazione e la valutazione di progetti di sistemi museali locali e di reti di musei (categoria: Reti regionali di musei - tipologia : Promozione e valorizzazione integrata delle collezioni ). Il Sistema Museale della Città di Cremona, il Sistema museale della Valle Sabbia e il Sistema Bibliotecario integrato dell’Oltrepo Pavese hanno lavorato alla stesura del progetto ANTICO VECCHIO MODERNO che si propone di individuare una modalità di lettura trasversale e multidisciplinare di alcune categorie di oggetti d’uso normalmente presenti nelle collezioni museali archeologiche ed etnografiche. Si ritiene in questo modo di poter sviluppare l’argomento in ambiti territoriali con vicende storiche e vocazioni produttive differenti; i musei coinvolti potranno così declinare il tema generale a seconda delle proprie peculiarità e dei materiali effettivamente presenti nelle raccolte del territorio. La realizzazione del progetto è subordinata alla concessione dei contributi dalla Regione Lombardia. Il Comune di Cremona finanzierà almeno il 30% della spesa in relazione all’ammontare del contributo concesso, spesa che troverà copertura finanziaria al PEG 13553 “Integrazione spese finanziate con contributi regionali” del Bilancio 2007. Alla realizzazione del progetto concorrono, con un cofinanziamento di € 3.000,00 ciascuno, la Comunità Montana di Valle Sabbia e il Sistema bibliotecario integrato dell’Oltrepo Pavese.

Approvazione della bozza di Accordo di Programma relativi all’iniziativa “Interventi prioritari del ciclo dell’acqua in attuazione del programma di tutela e uso delle acque (L.R. 26/2003 come modificata dalla L.R. 18/2006)” - art. 9 della direttiva approvata con DGR n. VIII/3789 del 13 dicembre 2006 - relativi a: “Adeguamento impianto di trattamento acque reflue (denitrificazione, defosfatazione)” e “Adeguamento impianto trattamento acque reflue (trattamento fanghi)” da stipularsi tra la Provincia di Cremona, AEM S.p.A. ed il Comune di Cremona.

La Giunta Comunale, sentito il relatore (Assessore Carlo Dal Conte), e con voto unanime dei presenti, ha approvato le bozze di accordo di programma redatta dall’Autorità Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Cremona per l’attuazione di interventi relativi a “Interventi prioritari del ciclo dell’acqua in attuazione del programma di tutela e uso delle acque (L.R. 26/2003 come modificata dalla L.R. 18/2006)” – art. 9 della Direttiva approvata con DGR n. VIII/3789 del 13 dicembre 2006 - da stipularsi tra la Provincia di Cremona, AEM Cremona S.p.A. ed il Comune di Cremona per gli interventi: “Adeguamento impianto di trattamento acque reflue (denitrificazione, defosfatazione)” e “Adeguamento impianto trattamento acque reflue (trattamento fanghi). Tra i Comuni che ricadono nell’ATO della provincia di Cremona e la Provincia è stata stipulata una convenzione per l’esercizio associato delle funzioni di governo del servizio idrico integrato attraverso la costituzione dell’Autorità d’Ambito. La Conferenza dei Sindaci dell’Ambito ha individuato nella Provincia di Cremona l’Ente coordinatore delle attività connesse all’attuazione della Convenzione. La Provincia di Cremona ha predisposto il Programma Stralcio che è stato approvato dal Consiglio Provinciale l’11 luglio 2001. La Conferenza dei Sindaci dell’Ambito, con deliberazione assunta nella seduta del 26 novembre 2001, ha preso atto del Programma Stralcio, successivamente aggiornato nella seduta del 21 marzo 2003 che comprende tra l’altro i due interventi in questione. Il Comune di Cremona sottoscriverà l’accordo di Programma dopo la stesura definitiva da parte dell’A.ATO. AEM S.p.A. realizzerà le opere. Non sono previsti oneri a carico del comune di Cremona, che si impegna ad agevolare la realizzazione delle opere. Tali interventi saranno finanziati dall’A.ATO con fondi accantonati derivanti dall’incremento tariffario del 5% (ex delibera CIPE del 4 aprile 2001, n. 52). L’importo complessivo degli interventi è previsto in € 600.000,00. L’impegno del Comune di Cremona sarà solo relativo al rilascio delle opportune autorizzazioni di competenza e non comporta nessun onere a carico del Comune.

Approvazione dello schema di protocollo per le azioni di coordinamento tecnico relative al Servizio Sociale Territoriale tra il Comune di S. Bassano, quale Ente Capofila della gestione associata con alcuni Comuni del Soresinese, e il Comune di Cremona quale ente capofila dell’ambito distrettuale di Cremona.

La Giunta Comunale, sentito il relatore (Assessore Maura Ruggeri), e con voto unanime dei presenti, ha approvato il protocollo per le azioni di coordinamento tecnico relative al servizio sociale territoriale, tra il Comune di Cremona, quale Ente capofila dell’ambito distrettuale di Cremona, e il Comune di San Bassano, quale Ente capofila della gestione associata con alcuni Comuni del Soresinese (Azzanello, Castelvisconti, Casalmorano, Cappella Cantone, Paderno Ponchielli, Soresina) per il periodo fino al 30 settembre 2008.

Visti i contenuti dalla Legge 328/2000, ed in particolare l’art. 6 che pone in capo ai Comuni le funzioni amministrative concernenti i servizi sociali a livello locale attraverso l’adozione degli assetti più funzionali e che, al riguardo, l’attività distrettuale dell’ambito di Cremona considera prioritario, per la realizzazione di un sistema integrato di interventi, il modello della gestione associata che consente ai Comuni di sviluppare le proprie competenze e di implementare i servizi del servizio sociale territoriale a rete. Tra i Comuni sopra citati vige una convenzione per la gestione in forma associata del Servizio Sociale Territoriale, che prevede all’art. 3 – Punto b l’attivazione di un Coordinamento tecnico degli operatori sociali, in capo all’ufficio di Piano, quale supporto alla costituzione di una equipe professionale che possa analizzare i bisogni emergenti e tendere alla sperimentazione di percorsi e strumenti omogenei. L’attività di coordinamento indicata rientra tra le funzioni specifiche che l’Ufficio di Piano deve svolgere a favore dei Comuni, senza oneri a carico dei Comuni stessi, ma abbisogna di una formazione tesa appunto a regolare l’effettuazione dell’attività stessa anche ai fini della realizzazione di servizi socio-sanitari integrati. Ne consegue, come previsto dall’art. 6 della succitata convenzione, la necessità di approvare il medesimo protocollo.

Adozione del Piano di Recupero di iniziativa privata, in variante parziale al Piano Regolatore Generale vigente ai sensi della lettera d) e della lettera g), 2° comma, articolo 2 della legge regionale n. 23/97, presentato dalla Società F.lli Damiani di Damiani Riccardo & S.n.c., e relativo agli immobili situati in via Ca’ del Ferro denominati “Villa Belgiardino” (competenza del Consiglio Comunale – esame preliminare).

La Giunta Comunale, dopo l’esame preliminare, ha assegnato questa proposta di deliberazione al Consiglio Comunale che sarà chiamato ad adottare il Piano di Recupero di iniziativa privata, in variante parziale al vigente Piano Regolatore Generale (P.R.G.) ai sensi della lettera d) e della lettera g) – comma 2°, articolo 2 della legge regionale 23 giugno 1997 n° 23, presentato dalla Società F.lli Damiani di Damiani Riccardo & S.n.c., e relativo agli immobili situati in via Ca’ del Ferro denominati “Villa Belgiardino”.

La scheda normativa n. 22, allegato A.1 alle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G., prevista a supporto delle scelte e della progettazione degli interventi di recupero, indica, per la cascina in questione, la categoria A (complessi di edifici di interesse storico-architettonico) e le classi di qualità 1, 2 e 3, cui corrispondono le seguenti modalità di intervento: Restauro totale (RT), Restauro e risanamento conservativo di tipo A (RRa) per la classe di qualità 1, Restauro e risanamento conservativo di tipo A (RRa) e Restauro e risanamento conservativo di tipo B (RRb) per la classe di qualità 2, Recupero testimoniale con adeguamento tipologico funzionale (RET), per la classe di qualità 3. Valutata e accertata, in via preventiva, la presenza di uno stato di degrado e di fatiscenza del complesso edilizio tale da renderne opportuno e necessario un recupero aperto a un riutilizzo funzionale compatibile con la tutela e la valorizzazione del suo valore storico, si è reso pertanto necessario individuare, dapprima, il complesso stesso come zona di recupero, procedendo così all’apposita perimetrazione. In secondo luogo, nell’ambito di questa zona di recupero, si è subordinato il rilascio dei provvedimenti abilitiativi alla formazione di apposito Piano di Recupero. Infine, viste le condizioni di forte degrado, strutturale e materico, derivanti dalla situazione di abbandono e di incuria in cui si trova il complesso edilizio, attraverso lo strumento del Piano di Recupero si procede a una serie di interventi la cui complessità è tale da farli rientrare, alla luce della legge regionale n. 12 del 11 marzo 2005, nella categoria della ristrutturazione edilizia, modificando in questo modo le modalità di intervento previste dalla scheda normativa n. 22. Per questi motivi il Piano di Recupero costituisce variante parziale al P.R.G. vigente finalizzata all’individuazione della zona di recupero del patrimonio edilizio esistente, nonché finalizzata a modificare le modalità di intervento sul patrimonio edilizio esistente. Una volta approvata, la deliberazione di adozione sarà depositata per trenta giorni consecutivi nella segretaria comunale unitamente a tutti gli elaborati; del deposito sarà data comunicazione al pubblico mediante avviso affisso all’Albo Pretorio e pubblicato su un quotidiano a diffusione locale. Una copia della variante verrà trasmessa alla competente A.S.L. per l’espressione del competente parere. Durante il periodo di pubblicazione chiunque ha facoltà di prendere visione degli atti depositati e, entro trenta giorni decorrenti dalla scadenza del termine per il deposito, può presentare osservazioni. Entro novanta giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni, il Consiglio Comunale approverà definitivamente la variante decidendo, al contempo, sulle eventuali osservazioni presentate.

Gli immobili interessati dal Piano di Recupero sono situatn via Ca’el Ferro. L'intervento previsto dal Piano di Recupero riguarda un'area (superficie fondiaria) di 4.360 metri quadrati su cui si trova un importante esempio di villa ottocentesca con giardino annesso e strutture accessorie (quali serre, orangerie, ecc...) collocato nella zona est della città. Una lapide in marmo posta all'ingresso di via Belgiardino porta l'iscrizione "Villa Bel Giardino". Fu costruita, verso la fine dell’Ottocento, come residenza di campagna per volere della Contessa Beltrami, che la detenne fino al secondo decennio del '900. L'organismo è suddiviso in diversi corpi di fabbrica tra i quali l'edificio posto a nord, la villa, risulta il più importante. Si struttura secondo un impianto rettangolare, con schema distributivo di tipo tradizionale, con atrio-androne al piano terreno. Il fabbricato posto a sud, su strada, più ridotto di profondità, era adibito un tempo ad abitazioni degli ortolani che coltivavano il giardino e il frutteto. In origine, nello spazio aperto vi erano numerose essenze pregiate e più di mille alberi da frutta. Ad est, vi è il corpo di fabbrica che un tempo era adibito a rustici di servizio (lavanderia, legnaia ecc...). Il fabbricato posto ad est veniva un tempo utilizzato come rimessa per le carrozze, per accessori e in parte come limonaia e presenta un certo interesse architettonico per le decorazioni che lo caratterizzano (fregi, formelle, lese ne aggettanti complete di capitello e architrave di cotto). Più a nord della villa si trovano due fabbricati adibiti a serre con foggia di tempietto che in origine venivano utilizzate per il ricovero dei fiori d'inverno. Le stesse sono caratterizzate da colonne in muratura intonacate. Un tempo erano chiuse con serramenti in ferro e vetro. Ad ornamento del giardino vi era una fontana circolare, alimentata da un serbatoio d'acqua che conteneva pesci, in particolare storioni. Sul fondo del lato nord, all'altezza delle serre, sono ancora visibili due pilastri in muratura che un tempo delimitavano l'accesso dalla campagna. I rustici vennero eretti dopo gli anni Trenta. Attualmente, la proprietà è della Società F.lli Damiani di Damiani Riccardo & S.n.c., con sede in Milzano (BS), via Giovanni XXIII n. 36. Gli immobili interessati dall'intervento sono azzonati nel PRG vigente come zona Ac 4 ­ CASCINE: edifici e complessi che, allo stato, in seguito alla dismissione della originaria funzione agricola, risultano, nella loro interezza o in gran parte, privi di destinazione. Il complesso edilizio, inoltre, non è individuato come zona di recupero in quanto classificato in categoria A. Per l'adozione e la successiva approvazione del Piano di recupero è pertanto necessario provvedere a una variante. Il Piano di Recupero prevede la realizzazione di un complesso edilizio abitativo mediante il recupero funzionale degli edifici esistenti, da attuarsi attraverso ristrutturazione edilizia e la nuova costruzione di autorimesse interrate. In particolare, l'intervento di ristrutturazione consiste nella demolizione e successiva ricostruzione dei solai, delle murature interne, dei collegamenti verticali e della copertura. Le murature perimetrali, lesene e marcapiani saranno mantenuti e recuperati, nel rispetto della sagoma, dei volumi e delle superfici esistenti. Per quanto riguarda il fabbricato accessorio posto ad est (ex limonaia), sarà ceduto gratuitamente alla Amministrazione Comunale, unitamente alla sua area di pertinenza, con realizzazione di opere edilizie al rustico da parte del soggetto attuatore a scomputo oneri. I due fabbricati adibiti a serre con foggia di tempietto sono, invece, oggetto di un intervento di risanamento conservativo. Infine, il progetto prevede la costruzione di 40 autorimesse interamente interrate; il relativo solaio di copertura sarà trattato a giardino pensile al fine di evitare qualsiasi impatto negativo con il contesto. La destinazione d’uso è di residenza. In base alle normativa vigente anche in caso di ricorso a piano di recupero non è consentita la demolizione di edifici di pregio architettonico od ambientale o di parti di essi, mentre i vari interventi, anche previsti dai piani di recupero, devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il mantenimento della coerenza tipomorfologica dei complessi. Per quanto riguarda gli spazi comuni, non sono consentite divisioni degli spazi comuni che alterino l'aspetto morfologico delle cascine. In particolare è vietata la realizzazione di muri divisori nella corte centrale e nelle aree pertinenziali di interesse ambientale, inoltre gli spazi pertinenziali, in particolare le corti centrali, devono essere lastricati con materiali che, per tradizione locale, sono d'uso diffuso. Il piano propone la realizzazione di opere di urbanizzazione secondaria consistenti nelle opere edilizie per la sistemazione al rustico dell' ex limonaia, per un importo totale di € 37.340,21 (superiore alla somma dei contributi per oneri di urbanizzazione secondaria) . Dovrà invece essere corrisposto, secondo le modalità di pagamento in vigore al momento del rilascio dei provvedimenti abilitativi, il contributo commisurato all'incidenza delle opere di urbanizzazione primaria. Ai fini della determinazione della dotazione di servizi da assicurare, le operazioni di trasformazione previste non comportano un incremento del peso insediativo in quanto, a parità di superficie rispetto a quella preesistente, non comportano variazioni d'uso e quindi non modificano la dotazione di standards dovuta in rapporto alla situazione preesistente.

Approvazione del nuovo schema di convenzione urbanistica relativa al piano di lottizzazione destinazione produttivo - commerciale presentato dalla società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l., interessante i terreni posti tra le vie Picenengo, Sesto, de’ Berenzani e ex S.S. 415 Paullese.

La Giunta Comunale, sentito il relatore (Assessore Daniele Soregaroli), e con voto unanime dei presenti, ha approvato il nuovo schema di convenzione urbanistica relativo al piano di lottizzazione a destinazione produttivo – commerciale, presentato dalla Società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l., interessante i terreni posti tra le vie Picenengo, Sesto, de’Berenzani e ex S.S. 415 Paullese, approvato con deliberazione consiliare n. 171/70646 del 21 dicembre 1998.

Lo schema di convenzione urbanistica allegato al piano di lottizzazione approvato con deliberazione consiliare n. 171/70646 del 21 dicembre 1998 non è mai stato sottoscritto. In data 8 settembre 2006 si è conclusa, presso la Regione Lombardia, la conferenza di servizi per grandi strutture di vendita con parere favorevole all’apertura del nuovo esercizio purché “prima dell’attivazione siano attuate le prescrizioni viabilistiche indicate dalla Provincia”. A seguito di questo parere è stata rilasciata, dal Comune di Cremona, l’autorizzazione all’apertura di una grande struttura di vendita, tipo centro commerciale (autorizzazione n. 8 del 14 settembre 2006), per una superficie complessiva di 10.000 mq che prevede la realizzazione di un nuovo assetto viabilistico con livelli sfalsati sulla ex S.S. 415 Paullese, rispetto a quanto previsto nel piano di lottizzazione approvato. A fronte delle nuove possibilità commerciali offerte dalla conclusione della conferenza di servizi per grandi strutture di vendita ed a seguito di una serie di incontri con gli uffici, la Società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l. ha predisposto una nuova proposta dello schema di convenzione urbanistica. A conclusione del percorso istruttorio, acquisiti i pareri favorevoli espressi dagli organi competenti, la Giunta Comunale ha deciso di approvare il nuovo schema di convenzione urbanistica relativa al piano di lottizzazione produttivo – commerciale, interessante i terreni posti tra le vie Picenengo, Sesto, de’Berenzani e ex S.S. 415 Paullese, approvato con deliberazione consiliare n. 171/70646 del 21 dicembre 1998, presentato dalla società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l., in quanto compatibile con il piano di lottizzazione, con le previsioni del P.R.G. vigente, con le vigenti normative statali e regionali in materia. Lo schema di convenzione urbanistica approvato sostituisce il precedente quale allegato alla deliberazione consiliare n. 171/71646 del 21 dicembre 1998 di approvazione del piano di lottizzazione. La Società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l. ed il Comune di Cremona, intervenuta l’esecutività del presente atto, sottoscriveranno la convenzione urbanistica. A seguito della stipula la Società Immobiliare Cardaminopsis s.r.l. potrà chiedere il rilascio dei provvedimenti edilizi abilitativi.

Richiesta trasmessa da Progetto Immobiliare s.r.l. intesa ad ottenere la collaborazione del Comune di Cremona in occasione della preparazione del film TV “Fuga con Marlene” le cui riprese sono previste in città nei prossimi 20 e 21 aprile 2007.

La Giunta Comunale ha concesso l’autorizzazione ad effettuare le riprese cinematografiche il 20 ed il 21 aprile alla società di produzione Progetto Immagine che ha in fase di produzione il film tv “Fuga con Marlene”, che sarà trasmesso in prima serata su RAI 1 per la regia di Alfredo Peyretti, già regista di “Gente di mare”, “Joe Petrosino”, “Graffio di Tigre”, e di altre produzioni di successo. “Fuga con Marlene”, interpretato da Monica Guerritore quale protagonista assoluta, è la storia di una rapinatrice in fuga e che si concluderà con la sua morte dopo uno scontro a fuoco con le Forze dell’Ordine. La Giunta Comunale, ritenendo questa una ottima forma di promozione della nostra città, ha dato il via libera per la concessione di permessi vari e di occupazioni di suolo pubblica per le riprese che saranno effettuate in piazza del Comune, in via Porta Marzia, in via Mercatello, sotto i portici di Palazzo Comunale, e sul ponte in ferro sul Po. Nei titoli di coda del film comparirà naturalmente il ringraziamento ufficiale al Comune di Cremona per la collaborazione offerta.

Interventi di manutenzione straordinaria da realizzare per adeguare l’area presso via Milano da destinare ad ospitare la colonia felina.

Da anni nell'immobile dell' ex Caserma Pagliari – ex Monastero di San Benedetto, già di proprietà del Demanio dello Stato e quindi acquisito dalla Fondazione Stauffer, situato tra via Stretta Lunga e via dei Mille, a cui si accede da via Bissolati n. 89, è ubicata la colonia di gatti randagi più numerosa presente sul territorio del Comune di Cremona (circa 350 gatti), gestita dall'A.P.A.C. Onlus (Associazione Protezione Animali Cremona). Il 21 dicembre 2006 l'Agenzia del Demanio comunicava la necessità di intervenire sulla struttura con opere di recupero e chiedeva pertanto al Comune di Cremona di procedere allo sgombero della colonia felina lì presente. Preso atto pertanto che l'immobile della ex Caserma Pagliari risulta non più idoneo e disponibile, si è reso necessario individuare e definire una nuova area in cui collocare questa colonia felina. L'attività di mantenimento delle colonie feline rappresenta un servizio di pubblica utilità che deve essere garantito ai sensi della vigente normativa in materia (Legge quadro 281/91 e Legge Regionale 17/06). Per opportunità, si è dovuto pertanto valutare ed individuare una nuova area, di proprietà comunale, che fosse disponibile ed idonea ad ospitare tale colonia e si è ritenuto che l'area situata in Via Milano, tra la via Sacco e Vanzetti e via dell'Angelo, abbia adeguate caratteristiche, sia per posizione che per estensione. Gli interventi che necessitano nell'immediato per rendere fruibile l'area sono i seguenti: Individuazione del perimetro dell'area con picchettamento; rimozione degli arbusti presenti e contestuale spianamento; collegamento alle reti tecnologiche (fognature, acqua potabile, luce); realizzazione di recinzione con lastre di cemento con porta d'accesso a bussola. Successivamente all'interno dell'area, già adeguatamente preparata, avverrà il posizionamento delle strutture in prefabbricato a cura della stessa APAC ed il conseguente trasferimento della colonia di felini, in collaborazione con il Servizio Veterinario dell'A.S.L. Nel contempo si sta predisponendo il progetto di manutenzione dell'area per l'adeguamento, che permetterà di individuare nell'ambito del Piano delle Opere Pubbliche le idonee risorse finanziarie; a tale scopo si stima che la spesa possa essere definita in circa 50.000 €. La Giunta, dopo le indicazioni fornite al riguardo dall’Assessore Carlo Dal Conte, ha deciso di accogliere la proposta formulata dai competenti uffici.

Richiesta avanzata dall’Associazione Zoofili Cremonesi di istituire presso la sede di via Casello n. 1 l’Ufficio tutela animali ai sensi dell’art. 6 - comma 1 - lettera f) della legge regionale 20 luglio 2006 n. 16.

La Regione Lombardia, in attuazione a quanto disposto dalla legge 14 agosto 1991 n.281 "Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo" e per favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute, il benessere e l'ambiente, ha emanato il 20 luglio 2006 la legge n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione", con la quale promuove la prevenzione del randagismo, la protezione e la tutela degli animali di affezione e ne sancisce il diritto alla dignità di esseri viventi ed il rispetto delle loro esigenze fisologiche ed etologiche, condannando ogni tipo di maltrattamento, compreso l'abbandono. Tra le varie disposizioni dettate dalla legge regionale, vengono elencate all'art. 6 le competenze che spettano agli enti locali e viene evidenziata la possibilità di istituire l'Ufficio tutela animali. L'Associazione Zoofili Cremonesi, che è una associazione senza scopo di lucro, in possesso di riconoscimento giuridico, iscritta al Registro Regionale del Volontariato, con autorizzazione alla gestione di canili, che da anni, in regime di convenzione con il Comune di Cremona, ospita e gestisce, presso la struttura comunale denominata "Rifugio del Cane", i cani ed i gatti abbandonati, maltrattati e rifiutati, a conoscenza delle disposizioni dettate dalla citata normativa, ha espresso la propria disponibilità e volontà a istituire l'Ufficio tutela animali. L’Associazione, che svolge da sempre attività a favore ed a tutela degli animali, propone di istituire l’ ufficio presso la propria sede in via del Casello n. 1, in cui tra l'altro è collocato lo stesso canile comunale, cosicché verrebbero evitate ulteriori spese per l'Amministrazione Comunale. La Giunta Comunale, ritenendo condivisibile tale proposta, ha espresso parere favorevole.

Approvazione, da parte dell’Assemblea dei Sindaci, del Piano Operativo anno 2007 dell’Ambito Distrettuale di Cremona.

Il Piano Operativo è lo strumento di applicazione delle linee strategiche contenute nel Piano di Zona triennale 2006-2008, che ogni anno l’Assemblea dei Sindaci è tenuta ad approvare come da normative regionali vigenti. Si tratta di uno strumento importante di programmazione annuale che, per il Distretto di Cremona, testimonia la volontà di agire in tutte le aree di intervento socio-assistenziali e conferma la scelta di posizionarsi nella direzione di una co-programmazione di interventi socio-sanitari in accordo con l’ASL di Cremona. Nella seduta dell’Assemblea dei Sindaci del 14 marzo 2006 ne sono stati approvati i contenuti che definiscono alcune linee, sia sul piano delle scelte strategiche che sul piano dell’impiego delle risorse economiche. Sul piano delle scelte strategiche tre appaiono le linee prioritarie, descritte in forma analitica nel Piano Operativo: la necessità di consolidare i rapporti strategici con i principali partner della programmazione socio-sanitaria, promovendo in particolare le azioni ad alta integrazione socio-sanitaria in tutte le aree di intervento, in particolare anziani, minori e disabili, attraverso il completamento dei protocolli di intesa con ASL e Aziende Ospedaliere; la necessità di consolidare l’assetto organizzativo dell’Ambito Distrettuale, attraverso la valorizzazione e il potenziamento del ruolo dei sub-ambiti come luoghi di analisi dei bisogni, di co-programmazione e di progettazione degli interventi, coerentemente con gli investimenti fatti sul fronte del personale e del potenziamento organizzativo dei servizi sociali territoriali; la necessità di consolidare il percorso di collaborazione con le realtà del privato sociale (imprese no profit, cooperazione sociale, terzo settore), attraverso la definizione di percorsi di confronto e di sinergia che da una parte mettano a sistema le numerose azioni integrate già realizzate e dall’altra individuino percorsi condivisi relativamente ai percorsi di accreditamento delle strutture socio-assistenziali in tutte le aree di intervento, come da indicazioni regionali in materia. Sul fronte delle risorse economiche si evidenzia che il Piano Operativo 2007 definisce costi, ripartiti sulle diverse aree di interventi, pari a euro 4.105.681,15, che prevedono, quali fonti di finanziamento, i seguenti elementi strutturali: l’utilizzo di tutti i residui a disposizione; un sostanziale aumento di entrata da parte delle risorse trasferite dallo Stato tramite la Regione Lombardia: il Fondo Nazionale Politiche Sociali registra una dotazione di + 423.000,00 euro rispetto ai tagli introdotti lo scorso anno con la Finanziaria del 2005 (+38% circa); una diminuzione di risorse del Fondo Sociale Regionale di circa 93.000,00 euro rispetto a quanto finanziato nel 2006 (-5,31%); la compartecipazione economica con risorse proprie da parte dei Comuni del Distretto di Cremona finalizzate ad interventi distrettuali risulta pari al 12,85% delle risorse complessive e testimonia una progressivo aumento di condivisione con le linee progettuali promosse dal Piano di Zona. il Piano Operativo 2007 ha distribuito le risorse complessive a disposizione con le seguenti percentuali nelle tre direttrici principali: Titoli sociali (36% circa); mantenimento dei servizi (39% circa); Leggi di Settore (25% circa).

Commemorazione dei Martiri di Bagnara del 27 aprile 2007.

Come ogni anno si terrà al quartiere di Bagnara la Commemorazione dei martiri caduti per mano tedesca il 27 aprile 1945. Tale iniziativa è promossa dal Comitato Spontaneo di zona Bagnara Battaglione e dal Comune di Cremona in collaborazione con Il Comando dei Vigili del Fuoco di Cremona, l'ANPI e l'ANPC. Oltre al momento di raccoglimento davanti alla lapide e alla deposizione della corona di fiori – in programma il 27 aprile alle ore 10.30 - quest'anno l'iniziativa assume maggior rilievo dal momento che dopo una attenta valutazione si è deciso di individuare il Centro Sociale Anziani quale luogo ideale dove poter esporre il quadro del pittore Ernesto Piroli "La fucilazione dei vigili del fuoco e dei civili per mano dei tedeschi Bagnara, 27 aprile 1945". L'opera, donata dal nipote dell'artista Mauro Piroli, sarà esposta nei locali del Centro Sociale di Bagnara, proprio per il significato storico e politico che essa riveste. L'occasione della Commemorazione sarà dunque anche l'opportunità per ringraziare la famiglia Piroli per la sensibilità dimostrata nel riconoscere a quest'opera un valore storico e sociale tanto da farne dono a codesta Amministrazione e permettere la sua esposizione nel luogo più idoneo. Data l'importanza dell'opera, sono stati presi contatti con i responsabili del museo civico di Cremona in modo che il quadro trovi la collocazione migliore e, dato il valore, in totale sicurezza.

Affidamento ad A.E.M. CREMONA S.p.A. del Servizio di gestione delle pavimentazioni stradali e dei marciapiedi comunali.

La Giunta ha dato il proprio parere favorevole perché si proceda all’affidamento ad AEM Cremona S.p.A. del Servizio di gestione delle pavimentazioni stradali e dei marciapiedi comunali dal 1° maggio prossimo. A seguito della deliberazione della Giunta Comunale del 27 marzo scorso, il Settore Lavori Pubblici ha provveduto a definire i seguenti atti amministrativi legati al trasferimento del servizio: elenco delle strade, piazze ed aree demaniali da assoggettare al nuovo servizio comunale; il budget di spesa per gli investimenti del servizio strade, che ammonta complessivamente a € 13.250.000,00; la definizione delle priorità di intervento suddivisa per tipologie di pavimentazione per quanto riguarda strade e marciapiedi; capitolato prestazionale ed elenco dei prezzi unitari.

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 5079 | Inviati: 0 | Stampato: 66)

Prossime:
Crocefisso e Madonna alla Mangiagalli ed il forsennato Prosperini – 10 Maggio, 2007
«Scalaquaranta in bici» – 07 Maggio, 2007
NATURLAB 2007 – 03 Maggio, 2007
Lettera dei CpU Cremona ai CpU nazionali – 28 Aprile, 2007
La scomparsa di Amilcare Furini – 23 Aprile, 2007

Precedenti:
92° compleanno del Centro Geriatrico «Francesco Soldi»  – 16 Aprile, 2007
92° compleanno del Centro Geriatrico «Francesco Soldi» – 10 Aprile, 2007
Consiglio Comunale del 26 marzo 20077 – 29 Marzo, 2007
INTEGRAZIONE SOCIALE con i residenti del Nucleo Alzheimer di Fondazione Sospiro. – 25 Marzo, 2007
La città delle donne. Alice o della città immaginata – 24 Marzo, 2007

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009