News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Cultura

26 Dicembre, 2007
"Il... Filo dei burattini", in programma il 12 gennaio 2008 alle ore 16.
Provo immenso piacere – così ha commentato Mauro Fanti, nel constatare come, in occasione de “Il… Filo dei burattini”, si sia creata una produttiva sinergia.

"Il... Filo dei burattini", in programma il 12 gennaio 2008 alle ore 16. Con la messa in scena dello spettacolo “Paolino e il Po” – recita allestita, prima a Cremona e poi a Castelverde, sabato 22 e domenica 23 dicembre scorsi – è terminata la prima sezione della rassegna teatrale “Il… Filo dei burattini”, in atto dal 24 novembre passato nelle sale del rinnovato teatro “Filodrammatici”. Si è trattato di una prima sezione contraddistinta da un indubbio successo, capace di chiamare a raccolta, in occasione dei sette appuntamenti in cui la kermesse si è nel complesso articolata, un numero totale pari a circa 2000 spettatori. Numeri ingenti, dunque, per una serie di appuntamenti che, come gli organizzatori hanno prontamente ammesso, non ha mancato di “cogliere nel segno”, arrivando certo ad accendere l’ideale “miccia” dell’entusiasmo dei tanti piccoli appassionati (appartenenti a una fascia anagrafica compresa tra i quattro e gli undici anni) che hanno preso parte alle performance delle compagnie di maestri burattinai, ovvero proprio il “target” che la kermesse si è impegnata a raggiungere a cominciare dal primo spettacolo. Grande e giustificata è pertanto, alla luce dell’esito ottenuto, il compiacimento degli ideatori della manifestazione, le cui opinioni sono state ben sintetizzate dal presidente del Consiglio Comunale Mauro Fanti, presente all’appuntamento del 22 dicembre passato quale ideale “portavoce” dell’intero staff organizzativo. “Provo immenso piacere – così ha commentato Mauro Fanti, appena prima dell’inizio dello spettacolo affidato all’estro narrativo di Walter Broggini e Massimo Cauzzi – nel constatare come, in occasione de “Il… Filo dei burattini”, si sia creata una produttiva sinergia fra soggetti pubblici, Comune e Provincia, e soggetti privati, pronti a sostenere un’iniziativa destinata a caratterizzare l’inverno cremonese. Un’iniziativa, oltretutto – ha proseguito il presidente, affiancato dai presidenti di Kiwanis Club Cremona, Giuseppe Cristaldi, e Kiwanis Club Monteverdi, Giacomo Francioni –, che, considerata la propria produttività, getta lo sguardo al futuro più prossimo, in vista del quale già si pensa a una nuova edizione della kermesse. Mi compiaccio, allora, del successo riscosso, ringraziando sentitamente tutti quelli che, come la Società Filodrammatica Cremonese, ci offrono ospitalità e sostegno per attuare il progetto”. Ora che sul cartellone destinato agli spettacoli di burattini è, dunque, calato virtualmente il sipario, è dunque già tempo di rivolgere il proprio sguardo al mese di gennaio, allorché – sabato 12, alle ore 16 – farà il proprio esordio la sezione dedicata ai cartoon di più recente produzione: spetterà a un’opera fra le più amate dai giovani, “Shrek Terzo”, il compito di aprire la stagione. Il cartoon, affidato alla regia di Chris Miller e di Raman Hui, è una buffa storia in cui si narra di Re Harold, alla cui morte Shrek è designato come erede della corona, benché egli non abbia intenzione alcuna di porsi a capo del “Regno Molto Molto Lontano”. Insieme ai fedelissimi Ciuchino e Gatto con gli stivali, Shrek andrà dunque alla ricerca del principe ereditario. Il primo accreditato pare essere Re Artù, un ragazzo piuttosto problematico che frequenta il liceo medievale. Nel frattempo, Fiona deve cercare di sventare un colpo di stato messo in atto dal Principe Azzurro. Gag, situazioni paradossali e battute fulminanti caratterizzeranno l’opera, una fra le più conosciute e diffuse a livello internazionale. Come avveniva in occasione della sezione impostata sugli spettacoli dei burattini, al termine di ogni proiezione sarà in programma l’estrazione di simpatici gadget – libri, pennarelli e pastelli –, grazie al contributo offerto da CremonaBooks, La Città del Sole, Libreria Spotti, Errebian – soluzioni per l’ufficio e Sperlari. Non mancherà, inoltre, la Merenda con Barilla, garantita dall’azienda cremonese in collaborazione con la Società Filodrammatica Cremonese e con le già citate associazioni Kiwanis Club Cremona e Kiwanis Monteverdi. In virtù dell’esito favorevole ottenuto dal primo ciclo di appuntamenti, esteso, per quanto riguarda i cartoon, fino al termine del prossimo febbraio, il Comune (Presidenza del Consiglio) e la Provincia (Presidenza del Consiglio) di Cremona ringraziano la Società Filodrammatica Cremonese, Kiwanis Monteverdi, Kiwanis Club Cremona, CRT – Centro di Ricerca Teatrale di Beppe Arena, Ascom, Le Botteghe del Centro, La Provincia – Quotidiano di Cremona e Crema (la quale ha prodotto migliaia di magliette distribuite gratuitamente ai bambini all’ingresso in teatro), CassaPadana, Aem, Autostrade Centro Padane, Avis, Ance e l’Associazione EmmeCi guidata da Massimo Cauzzi, quest’ultimo, peraltro, ideatore oltre che curatore della rassegna. Un sentito ringraziamento è, inoltre, da rivolgere a M.C. Allestimenti di Michele Chiapperino, oggi autore dei colorati allestimenti con cui il teatro “Filodrammatici”, durante ogni recita, è convertito a spazio accogliente e adatto a ospitare una platea tanto giovane, tanto vivace e tanto appassionata.

BREVI CENNI DI STORIA DEL TEATRO “FILODRAMMATICI”
Nel 1674 la Marchesa Ariberti fece costruire il Teatro di corte per le rappresentazioni riservate alla nobiltà dell’epoca. Tale teatro è l’attuale Teatro “Filodrammatici”. Alla morte della Marchesa Ariberti, il teatro venne ceduto alla Congregazione dei “Filippini” e trasformato in Chiesa. Nel 1798, in epoca di Rivoluzione Francese, con l’avvento di Napoleone Bonaparte e l’istituzione della Repubblica Cisalpina, un gruppo di cittadini, desiderosi di fare rinascere il Teatro “Ariberti” per allestire sceniche rappresentazioni, chiese ed ottenne dal Governo la cessione in perpetuo del teatro e dei locali annessi, testimoniato dall’Atto Pubblico Rogito Pavesi datato 30 giugno 1801. La rimessa in essere da chiesa a teatro durò sei anni, e soltanto nel 1807 venne inaugurato, da Napoleone Bonaparte, il Teatro “Patriottico”, ripristinato dall’architetto Faustino Rodi. La società nacque fin da allora, infatti tante piazze aveva il teatro e tanti soci ne erano i componenti. L’attività era copiosa in tutti i sensi da parte dei dilettanti Filodrammatici, sostenitori di tutto il complesso. Ma per merito dell’inventiva dei dirigenti non vi fu mai una sosta, e per di più in mille occasioni la Società del Teatro Patriottico si prodigò in spettacoli di beneficenza a favore di tutto ciò che nelle varie epoche rappresentava la solidarietà in tutti i sensi. Ben presto il teatro e la società assunsero la denominazione di Teatro Società dei Filodrammatici. Nacquero e si affermarono in seno a questo sodalizio la Società Concerti, la Società degli Amici della Lirica ed altre ancora. Una grande orchestra “mandolinistica” si formò, progredì e si affermò in Italia e all’estero sotto la direzione di Francesco Poli. Una grande compagnia filodrammatica sotto la direzione di Stefano Folletti fece parlare di sé per decenni in tutta Italia. E sotto questo profilo, ossia la prosa, furono centinaia le rappresentazioni portate alla ribalta nel nostro teatro e presentate, poi, in tanti altri teatri italiani, secondo il concetto istituzionale. Ancor oggi esistono la Compagnia e la Scuola Luigi Carini a ricordo del grande attore cremonese. Personaggi del mondo culturale e del mondo politico (Bissolati, Garibotti e altri) fecero parte della Società e contribuirono a esaltare l’operosità di questo sodalizio. Persino le prime rappresentazioni cinematografiche avvennero presso il nostro Teatro “Filodrammatici”. Oggi, questa società, assieme al suo “vecchio” teatro, deve essere considerata un orgoglio della città di Cremona per tutto ciò che nella Società e nel teatro si è verificato in oltre duecento anni. Un’isola libera e democratica senza mai un’interferenza di ordine politico, ma aperta a tutti i cittadini di ogni ordine.

------------------------

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 4341 | Inviati: 0 | Stampato: 109)

Prossime:
Teatro Lirico Cagliari: Fulvio Fogliazza nuovo direttore del coro – 18 Gennaio, 2008
«Chi ha detto che gli uomini preferiscono le bionde» – 15 Gennaio, 2008
Il pensiero timido: estetica, architettura, gioco – 07 Gennaio, 2008
Il Somiere «Roteltamburininzoli» di Michele Bosio  – 02 Gennaio, 2008
A gennaio iniziativa promozionale a Madrid – 28 Dicembre, 2007

Precedenti:
Una Diana cacciatrice di livello pompeiano – 22 Dicembre, 2007
Nuove regole per l’Europa.Con il Trattato di Lisbona, siglato lo scorso 12 dicembre a Lisbona l'Unio – 16 Dicembre, 2007
Riccardo Benassi al Signal di Cagliari – 02 Dicembre, 2007
E vissero felici e contenti  – 02 Dicembre, 2007
Mina prima di Mina – 28 Novembre, 2007

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009