News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit






















 Lavoro

15 Settembre, 2002
Sistema MDV – dimissioni volontarie
Il 5 marzo 2008 è entrato in vigore il Decreto Interministeriale che prevede una nuova procedura di presentazione

Il 5 marzo 2008 entra in vigore il Decreto Interministeriale che rappresenta una svolta importante nel mondo del lavoro; sarà valido su tutto il territorio nazionale ed avrà delle caratteristiche di non contraffazione e falsificazione, tali da rendere nulle le dimissioni presentate in altra forma.
Il Decreto contiene una regolamentazione organica del sistema che ne deriva, definendo termini e modalità tecniche di rilascio al lavoratore tramite i soggetti che la legge prevede come “intermediari”; tali soggetti sono:

- le direzioni provinciali e regionali del lavoro,
- i centri per l’impiego,
- i comuni,
- le organizzazioni sindacali e gli istituti di patronato.   

In concreto il lavoratore che intende dimettersi volontariamente deve recarsi presso un soggetto delegato (comune, centro per l’impiego, DPL, DRL). Questi, in presenza del lavoratore, compila on line il modulo relativo alla dimissione e rilascia copia cartacea del documento, avente codice univoco e data certa di rilascio, opportunamente vidimato. Il lavoratore entro 15 giorni (validità del documento) deve consegnarlo al datore di lavoro.

Il nuovo obbligo interessa i titolari di: lavoro dipendente, co co co a progetto e non, associazione in partecipazione, collaborazioni occasionali ex art. 61, comma 2, Dlgs 276/2003, soci di cooperative.  

Dove sono reperibili e scaricabili i moduli per presentare le dimissioni volontarie?
Il modulo per le dimissioni volontarie è contenuto nell'allegato A del Decreto Interministeriale del 21 gennaio 2008. Inoltre, è possibile nella sezione SISTEMA MDV.

Qual è la procedura per la compilazione del modulo?
Il modulo può essere scaricato e compilato dal lavoratore, ma perché sia valido, è necessaria l'autenticazione presso Direzioni Provinciali del lavoro, uffici comunali oppure Centri per l'impiego (art. 1, comma 1, legge n. 188/2007). Il lavoratore dovrà recarsi presso uno dei soggetti abilitati affinché il modulo acquisisca i caratteri di non contraffazione o falsificazione definiti nell'allegato B al DI del 21 gennaio 2008.

Quali sono gli altri soggetti abilitati alla validazione del modulo?
Sono soggetti abilitati: le Direzioni Provinciali del Lavoro, gli Uffici Comunali e i Centri per l'Impiego (art. 1, comma 1, della legge 188/2007). È prevista, inoltre, entro i sei mesi dall'entrata in vigore del Decreto, la stipula di convenzioni ad hoc con Sindacati e Patronati, che consentiranno anche a questi soggetti di essere abilitati alla validazione dei moduli.

Per la validazione delle dimissioni è necessario recarsi presso i soggetti abilitati territorialmente competenti?
No, la territorialità non è vincolante.

Quali sono i lavoratori soggetti all'obbligo di comunicazione delle dimissioni volontarie?
Devono presentare il modulo per le dimissioni volontarie tutti quei lavoratori che rientrano in una delle seguenti categorie di contratto: rapporti di lavoro subordinato; contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto; contratti di collaborazione di natura occasionale (le c.d mini co.co.co.); contratti di associazione in partecipazione; contratti di lavoro instaurati dalle cooperative con i propri soci.  

A quali tipologie di datori di lavoro devono essere presentate le dimissioni volontarie?   
Le dimissioni volontarie possono essere presentate a tutti i datori di lavoro, comprese le Pubbliche Amministrazioni, i datori di lavoro domestico, le cooperative, ecc.  

Modulo Dimissioni Volontarie

Qual è la validità del modulo di dimissioni?  
Il modulo ha una validità di 15 gg. dalla data di emissione da parte dei soggetti abilitati e deve, pertanto, essere consegnato al datore di lavoro entro tale termine. 

 

Nel caso in cui il termine di preavviso previsto dalla contrattazione collettiva nazionale o dal contratto individuale di lavoro sia superiore ai 15 gg. di validità del modulo, come deve comportarsi il lavoratore?  
Il lavoratore deve comunque presentare le dimissioni al datore rispettando il termine di preavviso previsto dalle disposizioni contrattuali.    

Nel caso in cui il lavoratore abbia presentato le dimissioni precedentemente alla data di entrata in vigore del DI 21 gennaio 2008 (5 marzo 2008) e con decorrenza successiva a tale data, deve presentarle di nuovo utilizzando il modello ministeriale?  
Le dimissioni presentate prima del 5 marzo 2008 sono valide e non necessitano della compilazione del modello ministeriale.  

Nel caso in cui il lavoratore ci ripensi e voglia ritirare le proprie dimissioni cosa è possibile fare?  
È possibile annullare le dimissioni attraverso i soggetti abilitati ai sensi dell'art. 1, comma 1, della L. n. 188/2007, entro i 15 gg. di validità delle stesse, purché non siano già state consegnate al datore di lavoro. In tal caso, infatti, poiché le dimissioni costituiscono un atto unilaterale recettizio si perfezionano al momento in cui vengono a conoscenza del datore di lavoro.  

Cosa succede se il lavoratore non consegna le dimissioni validate al datore di lavoro?  
In tal caso le dimissioni non hanno alcuna validità.  

Cosa succede se il lavoratore presenta le dimissioni volontarie attraverso un modello diverso da quello ministeriale?  
In tal caso le dimissioni sono nulle.  

Cosa deve essere inserito nel campo "data decorrenza dimissioni"?  
La data che deve essere indicata è il primo giorno di non lavoro, decorso il periodo di preavviso nel caso in cui quest'ultimo sia previsto.

Esclusioni

Il modello di dimissioni volontarie deve essere compilato in caso di risoluzione consensuale del rapporto?  
La risoluzione consensuale non rientra nell'ambito di applicazione della normativa in argomento.  

Qualora il lavoratore presenti le dimissioni durante il periodo di prova, deve utilizzare la modulistica ministeriale?  
In tal caso, non deve essere utilizzato il modulo ministeriale.  

In caso di collocamento in quiescenza o in pensione è necessario compilare il modulo ministeriale?  
No la fattispecie non rientra nell'ambito di applicazione della norma.

Eventuali chiarimenti sulle modalità operative potranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica: mdv@lavoro.gov.it

(Fonte: www.lavoro.gov.it)

 


       Commentowww.lavoro.gov.it



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 5579 | Inviati: 0 | Stampato: 90)

Prossime:
Confermato il Convegno “Il melone frutto del benessere,dalla terra alla tavola – 15 Settembre, 2002
Fondazione Sospiro ha richiesto l’attivazione di n. 4 Progetti di Servizio Civile per 23 ragazze/i. – 15 Settembre, 2002
Le variazioni dei prezzi nel mese di giugno 2008 a Cremona – 15 Settembre, 2002
Dasti: *Pronti entro l’anno per Cremona Acque Patrimonio* – 15 Settembre, 2002
Rifiuti campani ed imbarazzi padani – 15 Settembre, 2002

Precedenti:
Campagna "Acqua pubblica ci metto la firma". – 15 Settembre, 2002
Provincia: Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro – 15 Settembre, 2002
La giunta provinciale e i sindaci incontrano i metalmeccanici – 15 Settembre, 2002
Vertenza contrattuale lavoratori della Fondazione Ospedale della Carità di Casalbuttano. – 15 Settembre, 2002
Rinnovo Contratti pubblici - Incontro con il Governo – 15 Settembre, 2002


... in WelfareCremona



... Novità








 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso


 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010


 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009