News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit






















 Varie

15 Settembre, 2002
CONFRONTI IMPOSSIBILI ( di MARIO SUPERTI)
C’è un tempo per la guerra ed un tempo per la pace (così si sentenziava nel mondo antico).

CONFRONTI IMPOSSIBILI
C’è un tempo per la guerra ed un tempo per la pace (così si sentenziava nel mondo antico).
C’è un tempo per i costruttori di pace ed un tempo per chi non ha proposte degne di tale convinzione.
La mente quindi vaga negli accadimenti del secolo scorso e vengono alla memoria, fra gli altri, tre nomi che hanno fatto la grande storia.
Aldo Moro con grande coraggio lanciò la Sua politica con l’intento di coinvolgere l’intera nazione nella costruzione di eventi ancora inesplorati.
Paolo VI , anche nella “Populorum progressio” lanciò la Sua visione del mondo negli assetti sociali e la propose al mondo intero, con grande lucidità, anche politica.
Berlinguer andò a Mosca e declamò la Sua visione del mondo pur ben saldo nelle Sue convinzioni sociali e politiche.
Tutti e tre hanno un tratto in comune .
Non sono stati immediati testimoni degli effetti che la Loro visione del mondo avrebbe potuto portare nel consesso dei popoli e delle nazioni.
Tutti siamo convinti che il periodo storico che hanno condiviso questi tre Grandi sia stato di crisi forte e pervasiva : così abbiamo percepito.
Non è esatto se si tien conto degli accadimenti a distanza.
Questi Personaggi hanno avuto la forza e la capacità intellettuale e morale di tracciare delle vie da percorrere anche con il coraggio della sperimentazione.
Tutti hanno dovuto subire contrasti ed il Loro operato, per anni, non ha avuto conseguenze tangibili : anzi ha provocato delle “ marce indietro”.
Ma perché questa lunga premessa .
Nel tempo in cui viviamo non riscontriamo ancora personaggi di tale rilievo, posto che non abbiamo la sensazione di vivere in una vera crisi, anche di valori.
Tuttavia il disagio c’è ed è ,questa volta,percepibile se si mettono in funzione altri parametri di analisi e di confronti.
C’è la crisi economica e nessuno sembra in grado di far fronte agli eventi se non taglieggiando chi già aveva problemi prima.
C’è la crisi di valori civili ma l’attenzione viene distolta e deviata verso convincimenti e certezze che rasentano “l’improbabile” ed il velleitario.
Il tratto che unisce la gente comune rasenta la rassegnazione ed il “si salvi chi può”.
La prima deduzione quindi sarebbe che non ci sono “uomini” in grado di prendere di petto la situazione ed elaborare proposte e teorie con radicati e profondi valori civili e morali che possano coinvolgere tutto e tutti, anche politicamente.
Se siamo convinti di avere i dirigenti che ci meritiamo potrebbe significare che siamo convinti anche che, in un passato recente,sia stato fatto poco o nulla perché , prima o poi , salissero alla ribalta personaggi degli di nota e di rispetto.
Nel mondo della comunicazione e dei media spesso si è fatto esattamente il contrario.
Viene il dubbio quindi che consciamente o no si sia pensato : “manteneteli poveri ed ignoranti e li avrete umili e sottomessi”.
Il vero problema è che “ I pochi “non sono né poveri né ignoranti e sono perfettamente in grado di tenere gli altri sotto il tallone con tutti i mezzi che la moderna comunicazione mette a disposizione.
In conclusione : i mezzi di comunicazione non sono usati per la emancipazione culturale e morale della gente ma per diffondere “spot” ad un solo effetto.
Mantenere al potere chi lo detiene da anni.
Vien da pensare che questo modo di agire faccia comodo anche a chi si aggira nei pressi della tavola imbandita : lì vicino c’è sempre qualcosa che potrebbe far comodo anche alla pancia.
Sarà lo spirito di sopravvivenza individuale, ma così con si costruisce nulla per questo sfortunato paese.
Chiudo queste poche note con un lancio lungo : dove sono finite le riflessioni di Cacciari ?
Erano visionarie o sono finite nella parte non fertile e improduttiva del campo ?
Credo che il Pd, sia in campo nazionale che localmente possa mettere in campo delle “new entry”, che , se si è ben seminato potrebbero anche fornire risposte adeguate e diffondere una ventata di aria fresca.
Ne sentiamo proprio un gran bisogno.
Il popolo fiducioso aspetta ancora.

MARIO SUPERTI
CREMONA

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 3391 | Inviati: 0 | Stampato: 30)

Prossime:
Ripristinata la Fonte Padus. – 15 Settembre, 2002
Il periodico "In Comune" ( di Carlo Inzaghi)  – 15 Settembre, 2002
Semplificazione e dematerializzazione in edilizia nel Comune di Cremona – 15 Settembre, 2002
Riqualificazione Aree ex-Annonarie ( di LUCI) – 15 Settembre, 2002
SERGIO RAVELLI ELETTO SEGRETARIO DELL’ASSOCIAZIONE RADICALE – 15 Settembre, 2002

Precedenti:
La processione della Madonna Nera – 15 Settembre, 2002
Focus - Co-housing e condomini solidali: insieme è meglio di Laura Badaracchi  – 15 Settembre, 2002
IL PO E LA GOLENA TRA MOTTA E TORRICELLA – 15 Settembre, 2002
REPORTAGE CHERNOBYL  – 15 Settembre, 2002
Negata chiesa ortodossa ai romeni nel cremonese, Lo Verde indignato – 15 Settembre, 2002


... in WelfareCremona



... Novità








 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso


 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010


 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009