News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Dal Mondo

27 Ottobre, 2010
Gaza, porte aperte alla speranza
Il carico di aiuti umanitari Viva Palestina giunto a destinazione, il racconto dalla Striscia

Gaza, porte aperte alla speranza
Il cittadino cremonese Sig. Renzo è tornato in città
Il carico di aiuti umanitari Viva Palestina giunto a destinazione, il racconto dalla Striscia
Cosa fa di una prigione un luogo più vivibile? Non certo tinteggiare le sbarre, come è stato fino ad oggi con questo finto allentamento dell'assedio da parte israeliana che ha consentito l'accesso nella Striscia di Gaza ad alcune merci fra le più inutili sul mercato.
Semmai in grado di risollevare il morale ad un milione e mezzo di reclusi è una prospettiva di fuga, di liberazione, una vaga idea di come è il mondo fuori dalle sbarre.
Oltre a 145 veicoli carichi di aiuti umanitari hanno portato questa speranza a Gaza i 380 attivisti provenienti da oltre trenta paesi di Viva Palestina che giovedì hanno rotto l'assedio.
Sono ritornati nei rispettivi paesi di provenienza ieri, dopo avere trascorso una notte rinchiusi dalle autorità egiziane in un'ala dell'aeroporto del Cairo.
Ognuno porta a casa un ricordo particolare di questo viaggio lungo un mese, come l'inglese Richard: "Un accoglienza indescrivibile lungo tutte le tappe del nostro tragitto da Londra a Istanbul. In Siria non riuscivamo a fare compere perché i negozianti una volta intesa la nostra missione si rifiutavano di farsi pagare. Dentro Gaza poi la meraviglia di migliaia di palestinesi festanti, per la maggior parte bambini, che rischiavano di farsi investire pur di riuscire a toccarci, a salutarci. Dopo 2 giorni ho compreso che per alcuni dietro la calda accoglienza c'era qualcos'altro, la speranza di essere portati via al ritorno. Via da quella prigione".
"Quando la libertà si restringe in un posto del mondo, la libertà di tutto il mondo un poco si restringe, per questo ho deciso di unirmi al convoglio."  Mi ha spiegato Graham, anche lui dall'Inghilterra, concludendo: "Vedere decine di ragazzi venire fino a Gaza come decine, centinaia di migliaia di loro coetanei nel recente passato hanno manifestato contro la guerra in Iraq per la Palestina è confortante. Una sorta di palestra dei diritti umani per questi giovani che non si faranno sottrarre i diritti civili nei loro paesi senza lottare come ora lottano ora per la libertà loro fratelli palestinesi".
Alfredo Tradardi, rappresentante dell'International Solidarity Movement Italia e responsabile del convoglio italiano era stremato ma felice quando l'ho incontrato dinnanzi al porto di Gaza: "Le città che abbiamo toccato sono state come tappe di un pellegrinaggio, per alcuni religioso, per noi laico. Il momento più intenso in Turchia nel villaggio di Kayseri, dinnanzi alla tomba di Furkan Dogan, il giovane attivista ucciso dal commando israeliano durante l'assalto alla Mavi Marmara. Considero Furkan un emulo di Rachel Corrie, e come Rachel deve essere ricordato nel profondo dei nostri cuori. Nel campo profughi di Latakia, simbolo delle sofferenze dei palestinesi che attendono di ritornare nella loro terra, come è nel pieno dei loro diritti, ricordo l'ospitalità di famiglie povere ma dignitose. Emozioni forti anche durante la commemorazione delle vittime della Freedom Flotilla, quando sul  traghetto che ci ha portato dalla Siria all'Egitto abbiamo navigato proprio sullo stesso tratto di mare protagonista del massacro di maggio".
Tradardi, in procinto di promuovere in Italia una serie di incontri con la celebre scrittrice palestinese Ghada Karmi, a Gaza si è recato dinnanzi alle macerie del parlamento distrutto durante i bombardamenti israeliani del gennaio 2009, "per ricordare al mondo la  necessità di rilanciare il movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), la campagna di boicottaggio a Israele. Una strategia che se in passato si è dimostrata vincente liberando Mandela e un popolo dall'oppressione dell'apartheid, confidiamo riuscirà a liberare anche Gaza dal suo assedio".
Un messaggio, quello del boicottaggio, che ha viaggiato con gli italiani per migliaia di chilometri, ben impresso in decalcomanie sulle carrozzerie dei loro mezzi. Samer, libanese di 52 anni, si è mostrato il più commosso di tutto il convoglio entrando nella Striscia. La sua storia ci spiega i motivi. Si trovava in Canada nel luglio del 2006 e stava tentando di ottenere un visto per farsi raggiungere dalla moglie e dai quattro figli.
Quando sono iniziati i massicci bombardamenti aerei israeliani nel sud del Libano ha cercato immediatamente  di contattare il suo villaggio per avere notizie dei familiari. Solo dopo alcuni giorni dal fratello ha ricevuto la notizia del bombe sulla sua abitazione, e dei corpi esamini dei suoi figli e di sua moglie estratti dalle macerie.
"Non mi sono mai interessato di politica, tantomeno facevo parte della resistenza. Non ho mai avuto nulla a che vedere con gli Hezbollah, ero solo un muratore emigrato che voleva riunire la sua famiglia".

Vittorio Arrigoni
da Gaza city per PeaceReporter

Per leggere tutto l'articolo clicca qui

(  http://it.peacereporter.net/articolo/24941/Gaza%2C+porte+aperte+alla+speranza   )

26  ottobre 2010 

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 3314 | Inviati: 2 | Stampato: 39)

Prossime:
Il gruppo Betania, Tanzania, presenta il suo progetto – 21 Novembre, 2010
Dura risoluzione delle Nazioni Unite contro l’Iran per le continue violazioni dei diritti umani. – 19 Novembre, 2010
Il seminario internazionale a Parigi sugli effetti della crisi economica – 15 Novembre, 2010
Grecia.L'ASTENSIONE ...che in molte zone e' al 60%....e' il grande vincitore alle amministrative.... – 09 Novembre, 2010
L'8 novembre l'inaugurazione del campo polivalente di Beddawi in Libano – 06 Novembre, 2010

Precedenti:
USA - Marijuana e referendum California. – 24 Ottobre, 2010
Finalmente il convoglio è riuscito ad entrare a Gaza ! ! ! – 22 Ottobre, 2010
George Soros discute delle problematiche rom con il Vicepremier Chmel – 21 Ottobre, 2010
Se fosse successo in una miniera italiana.... (di Dario Antoniazzi) – 21 Ottobre, 2010
Convoglio VivaPalestina5: la situazione sta’ entrando in una fase delicata – 17 Ottobre, 2010

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009