News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 La biblioteca di welfare

21 Novembre, 2009
Per il partito democratico di Massimo Negri
Riflessioni sul libro di Gianfranco Pasquino, Il partito democratico, ed. BUP

Per il partito democratico di Massimo Negri
A pari merito con Tutto il calcio minuto per minuto, la mia trasmissione radiofonica preferita è Prima Pagina. In onda dal 1976 ogni mattina su Radio Tre dalle ore 7.15 alle ore 8.30 o, in differita, su www.radio.rai.it/radio3/primapagina, è divisa in due parti. Nella prima, un giornalista, diverso ogni settimana, procede alla lettura commentata dei giornali. Nella seconda, si apre il filo diretto con gli ascoltatori,
durante il quale, per mezzora, il giornalista risponde alle varie domande.
Nel corso della puntata del 10 ottobre 2009 una signora, accorata, ha chiesto:
“ma dov’è finita la Politica?” La mia risposta, opinabile, è che l’eclissi della Politica dipende, in una certa misura, dalla scarsa attitudine all’autocritica da parte delle
attuali élites dirigenti.

Ne ho avuto una conferma indiretta giovedì 1°ottobre 2009 partecipando alla presentazione del libro di Gianfranco Pasquino, Il partito democratico, ed. BUP
(Bononia University Press) che ha avuto luogo a Bologna, alla Galleria Acquaderni,
con inizio alle ore 18. Il breve resoconto dell’evento parte col treno preso nel primo pomeriggio a Casalmaggiore (CR) per arrivare – via Parma – a Bologna, in tempo per godermi una passeggiata lungo Via Indipendenza, sotto i portici. Vedo il solito scorrere del fiume di persone che vanno e vengono, indaffarate o, come me, in pausa. Sosto in gelateria e poi, dal tabacchino, compro una cartolina, fotografia di Palazzo d’Accursio, sede del Comune. La spedirò a Flavio, amico di penna dai tempi degli studi nel capoluogo emiliano. Raggiunta Piazza Maggiore, mi siedo sui gradini della Basilica di San Petronio, tradizionale luogo di ritrovo degli studenti. E’ una giornata soleggiata, d’inizio Autunno. Si sta bene. Messo il francobollo e presa la biro, scrivo l’indirizzo, la data e la dedica: “Dopo la sorpresa al Prof., è (quasi) d’obbligo un doppio, caro saluto”, confidando in una firma del Professor Pasquino che, di lì a poco, l’appone. C’è spazio pure per un salto alla libreria Feltrinelli, sotto le Due Torri. E’ cambiata dagli anni Ottanta. Si è estesa, suddivisa in vari reparti, omogenei per aree tematiche. Vi lavorano diverse persone. Noto, con piacere, che alle pareti vi sono vari aforismi. Ne annoto alcuni su dei foglietti e, in particolare, qui ne riporto uno: “In ogni libro c’è un segreto. E’ un segreto che tiene insieme in modo misterioso l’immaginazione dello scrittore e quella del lettore” (Stefano Benni).

Acquisto il libro di Pasquino, cui affianco Norberto Bobbio, Eguaglianza e libertà,
(ed. Einaudi) e Abraham J. Twerski, Su con la vita, Charlie Brown!, (ed. Oscar Mondadori). Sono quasi le 18; mi reco alla vicina Galleria Acquaderni, dal cognome del fondatore, nel 1896, del Credito Romagnolo, ora assorbito da UniCredit Banca. Arrivano i relatori. Oltre all’autore, il Professor Luigi Pedrazzi, già vicesindaco di Bologna, tra i fondatori della rivista Il Mulino, e la Professoressa Sofia Ventura, docente di Scienza Politica all’Università di Bologna. Salutato “il Prof.” (come Flavio e io lo chiamiamo quando tra di noi ne parliamo), raccolgo il suo doppio autografo, uno sul libro, l’altro sulla cartolina. Ha inizio la presentazione del libro. Subito il Professore precisa che si tratta di uno lavoro d’équipe da lui coordinato.
Il sottotitolo recita “elezione del segretario, organizzazione e potere”, mentre il sommario informa che l’autore ha scritto di suo pugno la Premessa e le Conclusioni, lasciando lo svolgimento dei sei capitoli ad altrettanti suoi collaboratori. Anche se a più voci, il libro politico riflette uno stile, caro a Pasquino, fatto di rigore analitico e di esercizio della critica costruttiva. Al fondo, l’idea che la scienza politica sia un sapere applicativo e, come tale, uno strumento utile per imparare dalle prove e dagli errori. Con riferimento allo specifico del PD mi pare felice il richiamo alla metafora, formulata dal filosofo della scienza Otto Neurath, della zattera in mare aperto che “deve cercare di rimanere a galla mentre procede alle indispensabili riparazioni”.
Nel segno, soprattutto, di un partito che sia, di nome e di fatto, democratico a 360°, ogni giorno della sua esistenza.

Tornando al convegno, sia nel corso della loro relazione, che durante il dibattito, ammiro la puntuale mitezza di Luigi Pedrazzi e la eleganza plurima di Sofia Ventura. C’è un’atmosfera raccolta, da democrazia classica. La fortuna del giorno vuole che, seduto al mio fianco, per caso, ci sia il Professor Guido Gambetta che non vedevo,
di persona, dai tempi dell’esame di Econometria e, in tv, da quelli del conferimento, come preside di facoltà, della laurea honoris causa ad Alexander Dubcek. Dopo la stretta di mano di rito, nel corso del dibattito, ha sussurrato un “bèh, non è proprio così” e io, di rimando, “ci salva un po’ lo zapping”. Ha annuito. Poi, al termine, scambio due parole col Professor Pedrazzi. Con un tono affettuoso ringrazia per la domanda posta nel mio intervento. Gli aggiusto il colletto della camicia. Sorride, tenero. Infine, mi trattengo un po’ col Professor Pasquino che mi annuncia il suo nuovo progetto: un testo sulla Costituzione per i licei, allo scopo di tradurre il senso civico in conoscenza.

Esco dall’incontro leggero e, intanto che imbuco la cartolina per Flavio, penso al racconto del 2002, pubblicato su www.caffeuropa.it e titolato, appunto, Cartolina
da Bologna. Quanta strada e quanta vita, in mezzo. La sensazione di sentirmi a debito col destino, per il molto ricevuto rispetto al poco, forse, dato. Attimi; un moto di gratitudine. Ne concludo che, pure stavolta, il ritorno nella città degli studi ha suscitato emozioni che non dimenticherò più.

Sul treno, al rientro, maturo la decisione di partecipare all’elezione diretta del segretario del PD che avrà luogo il 25 ottobre, orientando il voto sul candidato
outsider Ignazio Marino. Penso che possa dare un valido contributo, tenuto conto delle sue idee e delle qualità dimostrate nella sua precedente attività professionale, come chirurgo specializzato in trapianti d’organo, con esperienza internazionale.
Senatore dal 2006, condivido le sue priorità – diritti, sapere, ecologia – anche se ai primi unirei, col trattino, i doveri.

Nei giorni successivi, Flavio ci ringrazia della cartolina postale.
Adesso chiudo il raccontino con le parole di risposta a quella e-mail:
“Caro Professore, le porgo gli auguri per la sua bellissima idea di un libro
sulla Costituzione per i liceali. Ciao Flavio. Buon lavoro anche a te …
sospinti, noi due, dal primato dell’Inter, in coabitazione con la Samp.”

Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 1817 | Inviati: 0 | Stampato: 44)

Prossime:
Le pietre di luna di Maria Natale Werdenberg – 01 Dicembre, 2009
Le pietre di luna di Maria Natale Werdenberg – 01 Dicembre, 2009
“Radicale ignoto - cinquanta storie” – 30 Novembre, 2009
Nostalgia del futuro: la sinistra ed il PD da oggi in poi  – 29 Novembre, 2009
La scuderia di Luca Dal Monte  – 25 Novembre, 2009

Precedenti:
Don Antonio Agnelli presenta il suo libro "Cur Deus Victima", – 17 Novembre, 2009
Umberto Ambrosoli – Qualunque cosa succeda. Storia di un uomo libero – 13 Novembre, 2009
La controriforma della scuola.  – 08 Novembre, 2009
Le novità della Ediesse. – 04 Novembre, 2009
Diari e lettere dai Lager nazisti 1943-1945 – 02 Novembre, 2009

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009