News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Agenda

13 Ottobre, 2008
Dalla parte del malato (Ignazio Marino su L*Unità)
Eluana Englaro, con la sua esistenza passata per oltre sedici anni in un letto, in stato vegetativo persistente e Beppino Englaro, con l*ammirevole testardaggine di chi sente il dovere morale di rispettare un impegno preso con la figlia....

Eluana Englaro, con la sua esistenza passata per oltre sedici anni in un letto, in stato vegetativo persistente e Beppino Englaro, con l'ammirevole testardaggine di chi sente il dovere morale di rispettare un impegno preso con la figlia: entrambi ci obbligano, giorno dopo giorno, a porci nuovi interrogativi sui limiti che l'uomo deve sapersi dare.

Questa volta è sul rapporto porto intimo e personale che si instaura tra il medico e il paziente, o con i suoi familiari, che si accende l`attenzione. Decidere di non intervenire terapeuticamente per fermare l`emorragia che ha colpito Eluana due giorni fa è stata, come è giusto che sia, una decisione presa dalla famiglia della ragazza in pieno accordo con i medici, gli infermieri e le suore che la assistono. Fortunatamente nessuno ha messo in discussione questo principio pubblicamente, eppure il Cardinale Dionigi Tettamanazi, arcivescovo di Milano, ha sentito ieri il bisogno di sottolineare, incalzato da alcuni`giornalisti, come «a decidere deve essere il medico, in scienza e coscienza, nel rapporto tipico che lo lega al paziente e alla famiglia».

È esattamente ciò che accade nella maggior parte delle situazioni quando, di fronte ad una malattia complessa che implica decisioni importanti, il medico ha il dovere di illustrare la situazione nel modo più chiaro e completo possibile, spiegare quali sono le strade percorribili, quante le probabilità di successo, ma anche le difficoltà che si potrebbero incontrare e i rischi di andare incontro ad un fallimento. Il paziente, in altre parole, deve essere messo nella condizione di poter fare la sua scelta in modo personale ma consapevole, basata dunque sulle informazioni che solo il medico è in grado di fornire. Oltre ad informare, al medico spetta anche l`arduo compito di consigliare la persona che si affida alle sue competenze e alla sua esperienza e per questo è importante che vi sia tra i due non solo uno scambio di comunicazioni tecniche, ma che si instauri un vero rapporto umano in cui anche gli aspetti psicologici e il contesto in cui vive il paziente entrino a fare parte delle valutazioni che porteranno alla decisione.

Per fare un esempio, se ad un ragazzo dì vent`anni viene diagnosticato un tumore al fegato, ciò di cui avrà bisogno in termini di terapie e di supporto psicologico, sarà diverso rispetto a quello che verrebbe suggerito ad una donna di novant`anni: sarà diverso l`approccio terapeutico ma anche l`aggressività con cui si cercherà di contrastare la malattia. È questo il compito delicato e difficilissimo di cui viene investito il medico nel momento in cui entra in relazione con un altro`essere umano e con lui percorre la strada difficile della malattia. Ma il suo compito è anche di ascoltare, saper capire che a volte ciò che la scienza mette a disposizione non è adatto a quel paziente, che gli strumenti terapeutici esistenti potrebbero non essere opportuni per diversi motivi e che non può essere tenuta in considerazione esclusivamente l`esistenza di una possibilità tecnica.

Mi pare che sia proprio questo il messaggio che il Cardinale Téttamanzi abbia voluto trasmettere e le sue parole risultano particolarmente significative nel momento in cui c`è invece chi sostiene che nell`intimità del rapporto tra il medico, il paziente e la sua famiglia possa intervenire addirittura lo Stato con una legge.

E questa, infatti, l`intenzione dichiarata dal sottosegretario Eugenia Roccella che vorrebbe che alcune terapie, come l`idratazione e la nutrizione artificiali, riconosciute come tali da tutti i medici e da tutte le società scientifiche, debbano essere imposte ai pazienti per legge, andando contro il principio della Costituzione secondo cui nessuno può essere sottoposto ad una terapia senza il suo consenso, e facendo entrare lo Stato con le sue imposizioni proprio in quel rapporto intimo e particolare che si instaura tra il medico e il suo paziente. Imporre una cura medica per legge significa intromettersi nelle decisioni personali sulle terapie e in una relazione che si instaura in maniera esclusiva e personalissima tra il medico e il paziente. È davvero strano dovere ribadire un principio che sembrerebbe ovvio. Ma se anche un autorevole esponente della Chiesa cattolica ha sentito il bisogno di esprimere questo concetto, è probabilmente perché non è più chiaro a tutti.

A volte ho l`impressione che a voler essere più realisti del re, si vada incontro ad una visione meccanicistica e materialista della vita, molto diversa da quella basata su sentimenti di amore, di rispetto della dignità umana e dei valori cristiani. L`impegno a`difesa della vita non significa ricorrere all`utilizzo di ogni risorsa messa a disposizione dalla medicina; l`esistenza di una tecnologia non rappresenta un obbligo ad utilizzarla. Beppino Englaro, con i medici e il personale sanitario che accudisce Eluana da tanti anni hanno seguito sabato scorso la strada dell`alleanza terapeutica, facendo quello che insieme hanno ritenuto più giusto. Solo questo ci deve fare riflettere, possibilmente in silenzio.

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 3317 | Inviati: 0 | Stampato: 62)

Prossime:
La United Church of Christ: la chiesa di Barack Obama – 07 Novembre, 2008
Alessia Manfredini (PD) presenta una mozione in Consiglio Comunale – 31 Ottobre, 2008
Anche a Cremona *No al decreto Gelmini*  – 24 Ottobre, 2008
Corada: solidarieta` e vicinanza nei confronti di Francesco Nuzzo – 23 Ottobre, 2008
Una richiesta sbagliata ed irresponsabile – 17 Ottobre, 2008

Precedenti:
Italia dei valori comunica che Inizia la raccolta firme contro il Lodo Alfano – 07 Ottobre, 2008
Comune di Cremona: i servizi migliori con la minima spesa – 06 Ottobre, 2008
Le delibere della Giunta comunale del 1 ottobre 2008 – 01 Ottobre, 2008
Beluzzi si é fermato. I commenti. – 27 Settembre, 2008
Riccardo Sarfatti, Ivan Scalfarotto e Pippo Civati *Per Corada Sindaco* – 25 Settembre, 2008

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009