News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 La biblioteca di welfare

19 Settembre, 2009
Il valore delle opere di Massimo Negri
Il romanzo autobiografico di Raffaele La Capria L’estro quotidiano (ed. Mondadori). Premio Viareggio 2005

Il valore delle opere di Massimo Negri
Il romanzo autobiografico di Raffaele La Capria L’estro quotidiano (ed. Mondadori). Premio Viareggio 2005
Cari amici di Welfare Cremona, attratto dalla prosa piana, non piatta, ho letto il romanzo autobiografico di Raffaele La Capria
L’estro quotidiano (ed. Mondadori). Premio Viareggio 2005,  è un delicato viaggio della memoria
e una carezza a Napoli, la sua città, a Capri e a Roma, altri luoghi nei quali è trascorsa sinora la sua esistenza.  Il libro pare risentire poco delle ombre che, spesso, oscurano il capoluogo campano,
e il resto d’Italia. Miopia dell’autore? Non credo. Piuttosto, una sottile linea di resistenza.
Forse l’idea che alla letteratura competa, dopotutto, un ruolo di salvaguardia della armonia delle cose o, in difetto, della loro armonica descrizione.
C’è molta luce, nelle pagine del testo. La stessa luce del mattino salutato dalla terrazza della casa sul mare a Posillipo. O la stessa luce delle attese della vita, cui abbandonarsi con animo lieve e con un po’ d’ironia verso se stessi e verso gli altri; dopo averci  però informato, tra le righe, chetali virtù non sono un dato di natura ma, semmai, un obiettivo a cui tendere.

La Capria ha chiara la distinzione tra la vita mentre accade e la sua ricostruzione a posteriori.
Il passato non è prelevato bell’è fatto dall’archivio dei ricordi ma è, in una certa misura, reinventatodal narratore secondo una prospettiva fatalmente modificata dalla distanza temporale dai fatti.
Egli avrà cura di salvare l’essenziale senza rinunciare, tuttavia, a fornire la sua interpretazione.
Quando pensa ai giorni della sua giovinezza, lo scrittore vede davanti a sé “un continuum dove le tappe che stabiliscono le differenze non sono facili da identificare”. Così, ad esempio, nel 1939,
“l’annuncio della seconda guerra mondiale non sembra più importante delle vicissitudini di un amore infelice o di quel senso di libertà che si prova alla fine della vita scolastica dopo la licenza liceale”. Solo più tardi subentra la consapevolezza. Nel 1943, con la chiamata alle armi, riconosce che la Storia è entrata nella sua vita, scuotendola.
Il romanzo richiama, di tanto in tanto, i classici ed è un giusto mix di vicende private e pubbliche,
in ottant’anni di storia patria. Accanto ai teneri ritratti dei genitori, del fratello, delle due figlie e dei tre nipotini, del cane Guappo e del gatto Poldo, vi sono gli amici Kiki e Giovanni e, tra le altre figure-protagoniste, Ernesto Rossi, zio della prima moglie e firma de Il Mondo, elogiato per il suo humour e il suo pragmatismo, e Ilaria Occhini, bel viso d’attrice e seconda sua sposa, con la quale andare, a bordo di una spider grigia, incontro all’avvenire. Acqua passata.

Per lo scopo di questa lettera mi soffermo ora su un passaggio nel quale La Capria annota che nelle sue Opere (i Meridiani ed. Mondadori) “c’è un raccontino di Fiori giapponesi intitolato Un dialogo immaginario, dove Kafka rimprovera Max Brod perché l’amico non ha distrutto la sua opera dopo la sua morte come lui aveva ordinato. Io – dice Kafka – volevo che fosse distrutta perché volevo che nulla di me sopravvivesse, nulla di quel che io ero. E Brod gli risponde: non preoccuparti, anche se la tua opera ti sopravvive, niente di te, di quel che tu eri mentre la scrivevi, più rimane. Quello è ormai a tutti indifferente. E Kafka: indifferente al pari di una pentola o di un tegame? Proprio così, risponde Brod.”
Se tale forma di sopravvivenza delle opere (ma non degli autori in quanto tali) è riservata a pochi,
mi piace pensare, per associazione di idee, ai beni economici (le teiere, gli aeroplani), ai beni sociali (le scuole, gli ospedali) e ai beni politici (le libertà, la democrazia) come risultato della sedimentazione, nel tempo, del contributo di molti. L’anonimato non diminuisce il valore dei singoli apporti. Una forma, non meno nobile, di sopravvivenza delle opere.

Cordiali saluti
Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 2185 | Inviati: 0 | Stampato: 81)

Prossime:
*Quel che è di Cesare*, in libreria il nuovo libro di Rosy Bindi – 19 Ottobre, 2009
Finalmente Beatrice – 13 Ottobre, 2009
A cena con l'autore - Venerdì 16 Ottobre - ore 18.30 – 07 Ottobre, 2009
La casa editrice Infinito presenta due nuovi libri. – 07 Ottobre, 2009
Giampiero Neri: Paesaggi Inospiti – 27 Settembre, 2009

Precedenti:
Il bello della bicicletta di MARC AUGE’  – 12 Settembre, 2009
Il viaggiatore responsabile – 01 Settembre, 2009
“Viaggio in Italia” di Mario Tozzi – 24 Agosto, 2009
Nuove pubblicazione di storia cremonese di Michele Bosio – 18 Agosto, 2009
Fare l*amore a Roma, passeggiate nella storia sociale della Città Eterna – 04 Agosto, 2009

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009