News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Buone Notizie

14 Ottobre, 2010
Provvedimenti anti smog per l’inverno 2010-2011
Dal 15 ottobre scattano le misure anti smog previste dalla Regione Lombardia.

Provvedimenti anti smog per l’inverno 2010-2011
Dal 15 ottobre scattano le misure anti smog previste dalla Regione Lombardia. La Regione Lombardia ha disposto, con la legge n. 24/2006, le norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell’ambiente, che prevedono tra l’altro misure prioritarie di limitazione alla circolazione ed all’utilizzo dei veicoli, nonché misure per il contenimento dell’inquinamento da combustione di biomasse legnose. L’adozione di queste misure è obbligatoria nelle zone del territorio regionale definite “zone A1“. Il comune di Cremona, ed i comuni limitrofi, ricade in una di queste zone ed è pertanto comune critico, zona in cui si impone l’adozione delle misure regionali. Gli altri comuni del circondario ai quali si applica il piano anti-smog regionale sono: Bonemerse, Castelverde, Dovera, Gadesco, Gerre de Caprioli, Malagnino, Persico Dosimo, Sesto ed Uniti, Spinadesco. I provvedimenti in vigore quest’anno, in parte già validi lo scorso inverno, quelli sotto elencati.

Fermo della circolazione dal 15 ottobre 2010 al 15 aprile 2011, dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30 per i seguenti veicoli:
• autoveicoli a benzina Euro 0
• autoveicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 (omologati ai sensi della direttiva 91/542/CEE, o 96/1/CEE, riga B, oppure omologati ai sensi delle direttive da 94/12/CEE a 96/69/CEE ovvero 98/77/CEE) compresi i mezzi speciali – Da quest’anno il divieto di circolazione è esteso ai veicoli Euro 2 diesel.
Inoltre, sempre a partire dal 15 ottobre, saranno attive le seguenti limitazioni permanenti da lunedì a domenica , dalle 00,00 alle 24,00:
• motoveicoli e ciclomotori a due tempi Euro 0 (divieto di circolazione all’interno della zona A1)
• autobus M3 adibiti a Trasporto Pubblico Locale (Euro 0, Euro1 ed euro 2 diesel) divieto di circolazione su tutta la zona A1 e sulla rimanente parte del territorio regionale.
Come gli scorsi anni rimangono in vigore inoltre i seguenti divieti:
• dal 15 ottobre 2010 al 15 aprile 2011 divieto di utilizzo di apparecchi obsoleti alimentati a biomassa legnosa (camini e stufe con rendimento < 63%);
• divieto permanente di utilizzare olio combustibile per impianti di riscaldamento civile <10MW in tutta la Regione Lombardia;
• divieto di combustione all’aperto in ambito agricolo e di cantiere;
• divieto di climatizzare locali a servizio dell’abitazione in edifici destinati a residenza (box, cantine, depositi, scale).
TRASPORTI SPECIFICI: dal 15 ottobre 2010 entrerà in vigore il divieto di circolazione anche per la classe Euro 2 diesel dei veicoli per trasporti specifici e per uso speciale (di cui all'art. 54, comma 1, lettere f) e g) del DLGS n. 285/1992 ed elencati all'art. 203 del DPR attuativo n. 495 del 1992).
Veicoli esclusi dal fermo:
1. veicoli elettrici leggeri da città, veicoli ibridi e multimodali, micro veicoli elettrici ed elettroveicoli ultraleggeri;
2. veicoli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione;
3. veicoli alimentati a diesel (gasolio), dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili (filtri FAP) sia per dotazione di fabbrica, sia per successiva installazione. (N.B. Per "efficace sistema di abbattimento delle polveri sottili" si intende un sistema FAP in grado di garantire un valore di emissione del particolato pari o inferiore al limite fissato per gli Euro 3).
4. veicoli storici, purché in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici.
5. veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del Decreto legislativo 285/1992;
6. motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o pre-Euro 1;
7. veicoli con particolari caratteristiche costruttive o di utilizzo a servizio di finalità di tipo pubblico o sociale, di seguito specificati: veicoli, motoveicoli e ciclomotori della Polizia di Stato, della Polizia penitenziaria, della Guardia di Finanza, delle Forze Armate, del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa italiana, dei corpi e servizi di Polizia municipale e provinciale, della Protezione Civile e del Corpo Forestale; veicoli di pronto soccorso sanitario; scuola bus e mezzi di trasporto pubblico locale (TPL) – fatto salvo quanto già disciplinato per i veicoli di categoria M3 con DGR n. 4924 del 15/06/2007 e n. 6418 del 27/12/2007; veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso; autovetture targate CD e CC.

Deroghe
Sono altresì esclusi dal fermo della circolazione i seguenti veicoli:
• veicoli appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità, individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro, che svolgono servizi manutentivi di emergenza;
• veicoli dei commercianti ambulanti dei mercati settimanali scoperti, limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il luogo di lavoro dal proprio domicilio e viceversa;
• veicoli degli operatori dei mercati all’ingrosso (ortofrutticoli, ittici, floricoli e delle carni), limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine dell’attività lavorativa;
• veicoli adibiti al servizio postale universale o in possesso di licenza/autorizzazione ministeriale di cui alla direttiva 97/67/CE come modificata dalla direttiva 2002/39/CE;
• veicoli blindati destinati al trasporto valori, disciplinati dal decreto del Ministero dei Trasporti n. 332 del 3 febbraio 1998;
• veicoli di medici e veterinari in visita urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini, operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro;
• veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica;
• veicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro;
• veicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
• veicoli con a bordo almeno tre persone;
• veicoli delle autoscuole utilizzati per le esercitazioni di guida e per lo svolgimento degli esami per il conseguimento del le patenti C, CE, D, DE ai sensi dell’art. 116 del Decreto legislativo 285/1992;
• veicoli dei donatori di sangue muniti di appuntamento certificato per la donazione;

Da quest’anno i comuni non possono più concedere deroghe speciali e personali al di fuori di quelle previste dal provvedimento regionale.

Il fermo dei mezzi si applica su tutti i tratti stradali ricadenti all'interno delle zone “A1”, comprese le strade provinciali e statali ad esclusione delle autostrade, strade di interesse regionale R1, tratti di collegamento tra le autostrade e le strade R1 e gli svincoli delle stesse e i tratti di collegamento ai parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici o delle stazioni ferroviarie.

Altra novità prevista nel Piano 2010/2011 è l’obbligo di apporre vetrofanie, adesivi che identificheranno la classe Euro di appartenenza del veicolo (con colori e formati che la Regione definirà con successivi provvedimenti). In merito a questo punto la Regione ha concesso una proroga a data da definire.


Sanzioni

Le sanzioni per il mancato rispetto dei limiti di circolazione sono definite dall’art. 27 della legge 24/06 e sono comprese tra un minimo di 150,00 ed un massimo di 400,00 euro.

Il Comune di Cremona, per informare correttamente i cittadini sui divieti imposti dalla Regione Lombardia attiverà, come gli scorsi anni, una serie di strumenti quali pagine appositamente dedicate sul sito istituzionale (www.comune.cremona.it) e una newsletter informativa.


Cremona, 14 ottobre 2010

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 5064 | Inviati: 0 | Stampato: 33)

Prossime:
“ L'Immigrazione immaginata” – 25 Ottobre, 2010
Per non sprecare denaro pubblico. Consiglio di Caterina Ruggeri – 24 Ottobre, 2010
CONCORSO DI IDEE PER REALIZZARE IL MARCHIO  – 21 Ottobre, 2010
La CNA Pensionati si presenta nel casalasco – 19 Ottobre, 2010
Dalle querce figlie del fiume alle antiche torbiere – 17 Ottobre, 2010

Precedenti:
Sulla traccia delle note alla scoperta di Carlo Bergonzi – 07 Ottobre, 2010
Ultimo appuntamento con il Gruppo Guide Ascom – 06 Ottobre, 2010
Presentazioni mostra diffusa "Romanino e i pittori anticlassici" – 30 Settembre, 2010
Settimana Vegetariana Internazionale – 28 Settembre, 2010
Osteoporosi e fratture vertebrali: se ne parla a Cremona il 25 settembre – 22 Settembre, 2010

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009