News e informazioni da Cremona e dalla Lombardia
Home page Scrivi  
 
  Benvenuto nel circuito WELFARE NETWORK
Europa, notizie e attualità sul welfare News di politica e attualità dall'Italia News dalla Lombardia Notizie sul Welfare, Diritti e Sociale
 
Chi siamo Forum Fotogallery Link Contatti Collabora con noi

... Welfare canali
Agenda
Angolo del dialetto
Arte
Associazioni
Attualità
Buone Notizie
Comune di Cremona
Costume
Cronaca
Cultura
Dai Partiti
Dal Mondo
Economia
Eventi
Giovani
In Breve
Lavoro
Lettere a Welfare
Mediateca
News dai partiti
Petizioni attive
Politica
Provincia di Cremona
Racconti
Società
Storia Cremonese
Ultimissime
Varie
Volontariato
ARCHIVIO WELFARE
 ... In Breve
... e inoltre
Banca della Solidarietà
I sondaggi
Fotogallery
Banner kit


Sondaggio Welfare
positiva
negativa
non so


Guarda i risultati
Visualizza tutti i sondaggi




















 Racconti

15 Dicembre, 2010
Laura mi prese la testa con le mani e infilò la lingua nella mia bocca di Edo Villa
Con la mano cercava la mia lampo. In quel preciso istante il mio povero pene, fino a quel momento duro duro, si afflosciò quasi impaurito

Laura mi prese la testa con le mani e infilò la lingua nella mia bocca di Edo Villa
Con la mano cercava la mia lampo. In quel preciso istante il mio povero pene, fino a quel momento duro duro, si afflosciò quasi impaurito
1965: Laura
Laura era la sorellina  più grande di un'amica di mia sorella ed aveva tre anni più di me. Carina, alta, mora, con i capelli lunghi e due gambe affusolate e scoperte da una bellissima minigonna.
Veniva a prendere la sorella a casa nostra, verso sera, fatti i compiti dopo l'uscita di scuola. Mi guardava, mi salutava e mi pizzicava. Io ero alto e magro. Un bel ragazzo, diceva mia madre.
Avevo capito che le interessavo. Ne parlai con Mariolino, anche lui più vecchio di me di almeno tre o quattro anni. Il suo consiglio era semplice: invitala fuori per un gelato, andate verso il Po e quando sei là, la baci. Il resto viene da solo. Non avevo idea di che cosa fosse il resto.
Ascoltai Mariolino e la invitai a prendere un gelato. Avevo calcolato i tempi ed ero andato ad aspettarla davanti a casa sua prima che uscisse per venire a prendere la sorella. Era verso la fine di maggio.
Senza preamboli ed in fretta la salutai e le chiesi se l'indomani veniva con me a prendere il gelato al baracchino lungo il Po. Il tutto pronunciato a voce molto bassa ed in pochissimi secondi. Lei capì e mi chiese se alle quattro del pomeriggio andava bene. OK dissi. A domani. Ci vediamo al baracchino. Alle quattro… alle sedici ! Lei annuì.
Inforcai la bicicletta e corsi come un dannato in piazza dove Mariolino mi aspettava. Aveva una sigaretta senza filtro accesa  fra le labbra. Ero raggiante. Ero riuscito a 14 anni ad avere un primo appuntamento con una ragazza più vecchia di me. Dovevo capire da Mariolino come mi dovevo comportare e cosa sarebbe successo. Lui era più vecchio di me e sicuramente sapeva cosa fare.
Lo informai e chiesi: ma che cosa devo fare? Lui rise di gusto e mi spiegò tutto quanto doveva accadere il giorno dopo. Prima parli della sorella, poi della scuola, ma poco poco, solo qualche parola e intanto ti avvicini a lei e chiedi se fa scambio di gelato... Ti devi avvicinare alla sua bocca il più possibile. Se ha detto che esce, ci sta sicuramente. Quando le sei vicino tiri fuori la lingua e  gliela ficchi in gola, la abbracci e le metti una mano in mezzo alle cosce… Il resto viene da sé.
Come viene da sé…?  Viene, viene, insisteva.
Quella notte la passai in bianco. Mi sarò fatto tre seghe. Alla prima venni subito, alla seconda venni a scoppio ritardato, alla terza bruciavo tutto e avevo voglia di correre in bagno a rinfrescarmi. Cosa che feci verso mattina dopo aver fumato, di nascosto sul balcone, una "siga" senza filtro. Mia madre mi senti ma non disse niente.
La mattina a scuola fu un disastro. Non riuscivo a tenere gli occhi aperti, continuavo ad appisolarmi.
Corsi a casa per il pranzo: mangiai un panino veloce e mi stesi sul letto caricando la sveglia per le ore 15.30 (controllai due o tre volte l'ora). Non mi addormentai nemmeno un secondo: pensavo a Laura. Evitai di toccarmi. Alle quindici e trenta ero in bagno a lavarmi e profumarmi.
Alle 16.50, sudato ma felice, ero sulla panchina del baracchino lungo il Po.
Arrivò dopo quindici minuti, su una graziella. Le cosce erano all'aria, belle, bianche e con il movimento facevano intravedere le mutandine bianche. Era bellissima. Ero eccitatissimo. La salutai con la mano. Lei sorrise. Ci avvicinammo al banco dei gelati. Lei ordinò un cono panna e cioccolato. Io chiesi un cono cioccolato e panna. Lei rise. Inforcammo le biciclette e ci avviammo verso la boschina di pioppi. All'ombra ci fermammo. Lei leccava il suo gelato, io iniziai a parlare di sua sorella, amica della mia... Lei lasciò cadere la bicicletta e si avvicinò a me. Tremavo. La mia bicicletta cadde e mi urtò una caviglia. Buttò via il suo cono e si avvicinò a me. Mi prese la testa con le mani e infilò la lingua nella mia bocca. Aveva una lingua sottile e fresca. Cominciò a farla roteare. Mi stringeva.  Ad un certo punto cademmo sul prato. Il mio gelato, cono compreso, mi si appiccicò ai pantaloni chiaroscuro "alla Celentano". Con la mano cercava la mia lampo. In quel preciso istante il mio povero pene, fino a quel momento duro duro, si afflosciò quasi impaurito. Lei si accorse. Tolse la lingua dalla mia bocca, facendomi finalmente respirare, dicendo "ma che ti succede?"
Ero ormai suo prigioniero. Mi aprì la lampo, mi spostò gli slip e raggiunse quello che ormai era una protuberanza molliccia ed inservibile. Con veemenza cominciò, con la mano sinistra, a maneggiare su e giù il mio povero giovane pene che, costretto da tale violenza, non dava segni di vita. Io mi sentivo morire, volevo scappare, desideravo  ricominciare tutto da capo. La cosa durò qualche interminabile minuto. Finalmente cessò la presa e si distese sull'erba. Mi sentivo liberato, felice. Dopo qualche secondo si alzò. Mi guardava come se fossi lontano. "Su, ragazzino, ho sete, andiamo a prendere una gassosa". Mi pulii alla meglio. Ero muto. Parlò lei. "Sai pensavo di più… Sei proprio un ragazzino."
La accompagnai a casa in silenzio. Sul portone tentai di fissare un altro appuntamento. Lei, prontamente, inventò una scusa. La salutai a fatica. Mariolino mi aspettava al solito bar. Durante il tragitto, che feci ad andatura lenta per far passare del tempo, mi organizzai il racconto sviluppandolo, naturalmente, a mio favore. La storiella finiva con lei che mi faceva una grande sega, con una mia memorabile venuta (quella notturna nel letto pensando a lei) mentre io la baciavo con forza imponendole la mia lingua nella sua bocca. Mariolino era entusiasta. Io, finalmente rilassato, pure.
Rividi Laura a casa mia ancora diverse volte. I nostri saluti erano cordiali ma nulla di più. Al bar girava voce che andasse con questo e con quello… Seppi, molti anni dopo, che si era  sposata con un ragioniere e che era diventata madre di due bambine.

Edo Villa

Cremona 15 dicembre 2010

Gli altri racconti pubblicati sul sito www.welfarecremona.it

Lo specchio, racconti di Edo Villa

La Torta Rossa. di Edo Villa – Racconti – 16 Maggio, 2005

El Veciola e l’ epatite fulminante ( di Edo Villa) – Racconti – 17 Giugno, 2010

Mi dai una sigaretta ? ( di Edo Villa) – Racconti – 11 Luglio, 2010

Faceva molto caldo ( di Edo Villa) – Racconti – 14 Agosto, 2010

Il punteruolo. Lo specchio , racconti di Edo Villa – Racconti – 31 Agosto, 2010

 


       



 Invia questa news ad un'amico Versione stampabile Visti: 3399 | Inviati: 0 | Stampato: 72)

Prossime:
Fra gli argini di Ennio Serventi – 25 Dicembre, 2010

Precedenti:
Mario Monicelli, il comunista di Ennio Serventi – 02 Dicembre, 2010
LA CASCINA: UN MONDO SCOMPARSO ( di Mario Superti) – 14 Novembre, 2010
Un suocero suocera di Luigia Ferrari – 28 Settembre, 2010
Il 20 settembre e il Movimento Femminile Socialista di Ennio Serventi – 19 Settembre, 2010
Il punteruolo. Lo specchio , racconti di Edo Villa – 31 Agosto, 2010

... in WelfareCremona



... Novità









 Il Punto
44°Rapporto Censis. Un inconscio collettivo senza più legge, né desiderio ( di Gian Carlo Storti)
Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana sembra franare verso il basso



 La biblioteca di welfare
Verso il destino, con la vela alzata
Lo ricordo qui con un brano tratto dalla sua rubrica “Colloqui col padre"


 Scuola... parliamone!
Ata. Sottoscritto il contratto per il compenso una tantum di 180 euro
Il Miur prevede il pagamento nel mese di febbraio 16/12/2010



 Welfare Per Te
COMPLETATA LA CONSEGNA DELLE STUDENT E UNIVERSITY CARD
E' stata completata in questi giorni la consegna, negli istituti superiori cittadini e nellele sedi universitarie, delle student e delle card.

... Fotogallery
La Fotogallery di
Welfare Cremona


Ultima Vignetta
... Speciale on line
- Previsioni del tempo
-
Libri
-
Programmi TV
-
Lotteria
-
Oroscopo
-
Cambia Valuta
-
Euroconvertitore
-
Traduttore
-
Paginebianche
-
Paginegialle
-
Borsa
... Novità




| Home | Chi siamo | Collabora con noi | PubblicitàDisclaimer | Email | Admin |
www.welfarecremona.it  , portale di informazione on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 392 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti
La redazione di Welfare Cremona si dichiara pienamente disponibile ad eliminare le notizie che dovessero violare le norme sul copyright o nuocere a persone fisiche o giuridiche.
Copyright Welfare Cremona 2002 - 2009